duepiegoni

Utente
  • Numero contenuti

    11
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

6 Positiva

Su duepiegoni

Visite recenti

609 visite nel profilo
  1. Freehand s by limelight

    vado un attimo OT, il mosfet non aggiunge nessun tipo di sicurezza alla sigaretta elettronica, una sigaretta elettronica con solo il mosfet è in tutto e per tutto una meccanica, l'unica ragione dell'impiego del mosfet è poter usare pulsanti di attivazione più piccoli che normalmente non reggono alti amperaggi, per questo le meccaniche non protette di solito le vediamo o con pulsantoni enormi o con lamelle che riescono a resistere a svariati amper senza fondere. Se una e-cig con mosfet va in continua continuerà ad erogare tranquillamente la corrente, il mosfet non agirà in nessun modo per la sicurezza dell'utente. (😬 perdonatemi di essere salito in cattedra, ma ho sempre l'impressione che ci sia un po' di confusione sui mosfet, se ho detto qualcosa di sbagliato correggetemi 😇👍)
  2. Potreste darmi un parere entro lunedì?

    Fossi in te mi rivolgerei a siti specializzati, capisco che prime possa essere allettante ma su tanti siti specializzati la spedizione è di un giorno con costo di spedizione 4.5€ e sopra i 50€ di spesa è gratuita (parlo di siti italiani), secondo me vendono cose più adatte, specialmente per chi inizia, essendo per la maggior parte prodotti di grandi marche è possibile trovare ricambi e assistenza in praticamente anche tutti i negozi fisici, in più secondo me si trovano prezzi più vantaggiosi rispetto a amazon
  3. Ottimo topic!! Io uso una rigenerazione a dir poco inusuale e sono sicuro che farà storcere il naso a molti tabacchi chiari: 7 spire di ss316l 24ga su punta da 4mm a 17,5/20 watt su hadaly
  4. Dea cuba - da preferito a nauseante, perchè?

    è successo anche a me con il mexico della dea, adesso mi fa letteralmente rivoltare le budella quando all'inizio ne ho svapato tantissimo, pensavo inizialmente che fosse per un aromatizzazione troppo alta che avevo fatto regolandomi con le papille gustative di allora, ho abbassato ma niente, quindi sono giunto alla conclusione che semplicemente dopo 12 anni di sigarette il sapore che sentivo era alterato e dopo essermi "ripulito" sentendone il sapore "vero" semplicemente non mi piace, ho riprovato svariate volte nel corso di un anno e mezzo anche mescolato a altri aromi, ma lo odio con tutto me stesso, non voglio neanche che il mio hardware ci vada a contatto perché altrimenti sentirò il retrogusto nauseante per sempre
  5. Hotcig rsq squonker - designed by rig mod

    per me questa rsq è la svolta, paragonata alla VT è anni luce avanti sia in tc che in watt, addirittura la batteria mi dura molto di più in questa che nella VT, con stesso atom e stessi watt (20w 0,40 ohm) e mi è pure cascata rovinosamente e si è appena scalfita, l'unico neo è che ho dovuto applicare un laccetto per togliere la batteria, ma questo l'ho fatto anche con la VT
  6. eh ma si possono includere i marcatori nelle analisi del sangue (credo), anche per quello che riguarda il fegato bastano le transaminasi, poi ovviamente non avrebbe il valore di una ricerca scientifica calibrata, ma chi meglio di noi può esprimere con precisione il tipo di hardware usato, liquido e quantità. sarebbe secondo me un raccolta di informazioni che potrebbe aiutare, solo un idea poi sono ben lontano da essere un medico o uno scienziato 😂
  7. facciamolo noi lo studio!!! siamo 43000, un buon campione, potremmo tenere traccia di quanto e cosa assumiamo di fumo e vapore e poi pubblichiamo i risultati delle analisi, ovviamente con meno dati sensibili possibili
  8. Aleader box killer 80w

    Ma scusate, ora io non ho questa box ma la vorrei comprare, ma una botta di silicone bianco come nella pico o qualcosa di più elastico tipo sugro, non potrebbe essere un idea? (Foto non mia) loro lo mettono di fabbrica
  9. legge i volt della batteria, scusate l'errore di battitura, mi scuso anche per il grassetto non intendevo gridare🙂 ed è quello che ho ripetuto per tutto il post, è necessario comunque sapere cosa si stia facendo (sono stato anche ammunito per come l'ho detto😂), e come ho detto nel post non è per scendere nel sub ohm spinto. ho voluto condividere questo acquisto per informazione per chi si avvicina ai meccanici (o anche no), perché si possono conoscere tutte le regole e saper usare tutti gli accorgimenti possibili ma prima o poi per imparare ad usare un meccanico si dovrà mettere una batteria in un meccanico e svapare. Almeno per me, poi è soggettivo, questo "link" ha aiutato, ha capire come e quanto velocemente si scarica una batteria con le resistenze che mi piacciono, che sono come tu hai notato da flavor, e quindi capire anche bene come è la sensazione del calo di una batteria senza comunque avere il rischio di scaricarla al punto di diventare pericolosa, continuo ad usarlo perché per me è soddisfacente, adoro i tubi meccanici e la loro linea e specialmente il loro tasto che non trovo in nessun tubo elettronico a parte pochi rari casi (youde), in più posso portarmelo in giro e senza attaccare niente ho subito un indicazione e un controllo dello stato della mia batteria, l'ho condiviso, non è da puristi, ma se qualcuno ha le mie stesse esigenze spero che ne troverà giovamento.
  10. Non ho scritto molti messaggi e non è molto che sono iscritto ma ormai vi leggo da più di un anno e voglio contribuire anche io ad aiutare i nuovi "svapatori" (all'italiana mi piace di più) recentemente ho letto una piccola discussione sull'uso di meccanici e vorrei portare all'attenzione un articolo che ho acquistato recentemente con il mio primo tubo, di cui ho trovato poche tracce nel forum, che credo possa essere di aiuto per essere più in sicurezza. parliamo di dovpo safe link prima di tutto: I MECCANICI NON SONO UNO SCHERZO QUESTO "safe link" RENDE L'UTILIZZO UN PO' PIù SICURO MA è NECESSARIO IMPARARE LA LEGGE DI OHM E SAPER CALCOLARE QUANTI AMPER RICHIEDE LA VOSTRA RESISTENZA!! QUESTO ARTICOLO NON è DA PRENDERE COME LA PANACEA DI TUTTI I MALI MA ANZI CONOSCENDO I LIMITI E LE REGOLE DI UN MECCANICO PUò AIUTARE SOLO AD AVERE PIù CONTROLLO DI QUELLO CHE SI STA FACENDO MA SEMPRE CON CONSAPEVOLEZZA. questo è il mio nuovo tubo: council of vapor kindred v2 con wasp rdta + dovpo safe link sul tubo: niente di speciale, costruzione economica, filetti da manifattura cinese e con qualche difetto (ho dovuto limare un po' il fermo in plastica della batteria perchè con pin particolarmente lunghi non si chiudeva bene), tubo in rame con esterno in acciaio, attacco non ibrido con tasto magnetico e blocco tasto, mi piace e come primo tubo non mi sto trovando per niente male. veniamo adesso alla star della discussione: un aggeggino di poco più di 32mm per 22mm di diametro, è un controllo elettronico che aggiunge alcune sicurezze al tubo, è composto da due pezzi, la parte centrale con un circuito + il cap che funziona da regolazione del pin, il pin della base è abbastanza sporgente secondo me da essere usato anche su ibrido. Che cosa fa questo simpatico aggeggetto? -va da un minimo di 0,3 ohm a 9,8 ohm. -taglio dell'erogazione a 10 secondi. -protezione da corto circuito (CORTO CIRCUITO DELL'ATOMIZZATORE!! MI RACCOMANDO! BATTERIE SEMPRE RICOPERTE!! TUTTI I CORTOCIRCUITI CHE AVVENGONO PRIMA DELL'ATOMIZZATORE NON SONO PROTETTI DAL SAFE LINK!) -protezione da amperaggi maggiori di 26amp. -taglio dell'erogazione con batteria a 2volt (credo sotto carico, ma comunque su meccanico non andrei mai sotto i 3v sotto carico). -legge la resistenza dell'atomizzatore. -legge i volt dell'atomizzatore sotto carico e non. è ormai un mesetto che lo utilizzo e mi piace molto, ho sempre la carica della batteria sotto gli occhi e in caso di qualche errore (come si dice da me il momento del bischero capita a tutti) ho un po' più di sicurezza, i tubi sono bellissimi e questo mi permette di usarli con più spensieratezza. pro: -meno pensieri -non ha ne i limiti ne le scomodità dei kick e funziona meglio -ben costruito -si adatta alle linee dei tubi da 22mm -hai sotto controllo sempre lo stato delle batterie -puo essere usato come un lettore di volt occasionale -puo essere usato sempre montato sul tubo contro: -non per svapatori da sotto 0.3ohm -allunga la mod e ci si deve fare l'abitudine -esiste solo da 22mm (mannaggia) -fa luce perchè ha uno schermo -non ho idea di quanto influisca sul calo della spinta ma ovviamente un po' influirà per acquistarlo ho speso 18€ da uno store spagnolo perchè l'ho trovato solo li. spero che questo mio intervento vi sia utile e buone svapate!! @duepiegoni Ciao, mi raccomando la prossima volta occhio al Maiuscolo, non è consentito da Regolamento, grazie. Netiquette: Non scrivere in maiuscolo né nei titoli né nei messaggi.
  11. Quanto vi dura una coil?

    Questo è un argomento interessantissimo che sarebbe anche il caso di corredare di foto, perchè è vero che cambia di caso in caso ma, almeno per quanto mi riguarda, sarebbe bello un confronto anche per capire proprio praticamente come noi tutti affrontiamo gli organici. io mi sono aggiustato cosi: svapo tabaccheria virginia mischiato in parti uguali all'american blend, al 5,2% su base 50/50 a nicotina 3, su vt inbox con hadaly clone rigenerato con 7 spire di acciaio 316L 24ga su punta da 4mm distanziate per 0.45ohm a 17.5w cotone kendo. con una resistenza faccio 16ml (in uno o due giorni dipende dalle occasioni) cambiando cotone una volta senza dryburn, per non stare a rigenerare tutti i giorni ho preso 4 hadaly clone e li rigenero tutti in una volta e poi li cambio quando sono in giro. dryburn: ci sono molti dubbio che ho a riguardo,anche su far diventare rossa la coil, che tranne che per microcoil, non è strettamente necessario. Premesso che io faccio diventare rossa la coil prima di montare il cotone dopo aver rigenerato, ma da tanto ragiono di non farlo piu, se il metallo per caso dovesse rilasciare qualche sostanza dannosa, non lo farebbe mai alle temperature a cui noi svapiamo ma lo farebbe proprio in quel momento di surriscaldamento a "fusione", quindi: è davvero necessario scaldare la coil cosi tanto all'inizio? per il dry burn non lo faccio perché non ha senso per me incrostare la coil alzando cosi tanto la temperatura quando il liquido, chiaramente salvo stecche, non può aver creato croste "di bruciato" a temperature cosi basse, infatti io sciacquo la resistenza semplicemente sotto l'acqua e cotono, c'è qualcosa di sbagliato nel mio ragionamento?
  12. Buona sera!

    Buona sera a tutti! io sono Andrea ed ho cominciato a svapare una settimana prima del capodanno 2017, da allora ho fumato solo una decina di sigarette tutte in situazioni abbastanza casuali, che non solo non mi sono piaciute ma hanno rafforzato la mia convinzione che chi veramente ama il tabacco, per assaporarne le sue note più reali, non fuma, ma svapa estratti organici, per me svapare gli estratti organici è il modo migliore per avere in bocca il sapore che ti aspetteresti di sentire anche in bocca quando apri un pacco di tabacco, che però, aggiungerei per fortuna, viene distrutto dal sapore di bruciato quando si fuma ma esaltato da questi vaporizzatori personali che noi tutti usiamo. Ho iniziato con una i just 2 e tabacchi sintetici che poi ho sostituito con un evtc dual, fin quando a febbraio non ho scoperto la vt inbox con hadaly e la tabaccheria, a quel punto si è saldata la mia convinzione e il mio piacere. mi sono iscritto un po di tempo fa ma mi presento solo ora perchè vorrei partecipare ad un topic che mi interessa particolarmente, auguro un buon forum a tutti e vi ringrazio per il vostro contributo. Andrea p.s: prima che qualcuno cominci a scherzarci sopra duepiegoni non è una roba sessuale ma un espressione motociclistica mia e dei miei amici per le pieghe in moto, uso questo nome nei forum (il primo fu ovviamente il ting'avert forum che qualche amico motociclista conoscerà) da prima che capissi il suo duplice significato 😂ed è ormai tradizione.