Scabros

Utente Gold
  • Numero contenuti

    3.757
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Scabros

  1. I nostri macerati casalinghi

    E a me mancano i tuoi post. Propina qualche chicca, lo so che ne hai... 😉
  2. Consiglio nicotina

    Il fatto che lo copra perchè troppo forte non vuol dire che lo modifichi.
  3. Spica pro mtl rta clone

    Ciao, per gli sfigati clienti di Coppervape ed affini che vogliono evitare sermoni sulle differenze con il fantasmagorico originale, penso sia opportuno creare topic apposito. Come sapete, in attesa di Sjmy e Kindbright, Coppervape è il clone che quasi tutti abbiamo. Progetto audace ed estremo per godere al meglio tabacchi organici, lo Spica è stato clonato con i fori di alimentazione sfasati rispetto all'originale, ufficialmente con uno scopo, più probabilmente perché é stato cannato. Come risultato perdona meno in fase di cotonatura e si alimenta bene solo quando gli avete preso le misure. Per ora, la configurazione migliore che ho trovato per i miei gusti sono 7 spire di ka 27 ga su punta da 2 (copyright @Rici), il ni80 lo manda fuori giri, e la punta più larga pure. Liquidi provati Kentucky, 1000, Balkan Mixture, Notturno Inglese (e un paio di sintetici ma si può evitare), Bezuki e anche una improbabile EM arricchita con ciliegia (erroneamente): mai una delusione, sempre lo stesso tiro arido, greve, penetrante, da vera pipa, e focus sulla parte più tabaccosa dell'aroma. Fatevi sotto con i contributi, astenersi professori pluri-decorati.
  4. Novecento by vaping gentleman club

    Opinabile. Sui mercatini FB se ne trovano quasi nuovi a prezzi onesti. Ma è legittimo che avendo il 900, non viene molta voglia di cercare altro. Anche io non ho più preso un bf da quando ho acquistato questo, che insieme a Speed e Karma dice già tutto. Cosa vai a comprare un Etna dopo questo?
  5. Entrambe le cose. Comunque il bf è un sistema, non un atom. E non tutti i rigenerabili sono meglio di tutti i non rigenerabili.
  6. Karma by sharing lab

    Benedetto @Nicolasan, me lo trovo per caso in ufficio con dell'acciaio 30 ga e ci ho piazzato 8,5 spire attaccate al foro aria stimolato dal tuo post: Cosa dire, per me numero 1, tra l'altro lo trovo molto creativo, non lo vedo a rigenerazione forzata e anzi puoi ricavarne tiri molto diversi.
  7. Resa tra nautilus e siren v2

    Tra un Siren e un Nau2, è legittimo preferire il secondo a livello aromatico. I rigenerabili hanno caratteristiche che indubbiamente possono farli preferire, ma una volta montata la coil gli atom sono atom, ci sono quelli buoni e quelli no. Spesso un RBA gestisce mediamente più categorie di liquidi rispetto ad RTA più specifici per tabaccosi, piuttosto che cremosi o fruttati.
  8. Vi possiamo garantire che non lavora per nessuno e si tratta di una opinione liberamente espressa. Intanto, essendo un negozio, dovrete registrarvi come rivenditori e non semplici utenti.
  9. Expromizer v2.1by exvape

    È lecito definire un atom il migliore di tutti, fatta salva la consapevolezza da parte di chi lo afferma, e da parte di chi lo legge, che si tratti di una considerazione personale. Anche io qualche atom rinomato l'ho provato, per me l'Expro regna come resa. È chiaro che non è una classificazione scientifica, sono gusti, ma i limiti che pure ci sono si possono aggirare, la resa non s'inventa. La direzione che prendono gli aromi tabaccosi sull'Expro per me non ha eguali. Queste decine di atom che oggi gli sono alla pari, li vorrei vedere elencati.
  10. Strike 18

    Come regola generale, meno cotone meno calore, ha una vasca abbastanza capiente per non squonkare di continuo e comunque sullo Strike l'oversquonk non perdona, perdite garantite. Il numero di spire dipende pure dal foro aria scelto e dalla punta, per me più di 5,5 non vale la pena, uso il terzo foro. Poi come sempre, qualsiasi cosa ti piaccia va bene.
  11. Atom secco e hittoso

    Una punta più larga, e gioverebbe sapere a quanta nico lo usi, e dove/come hai messo la coil.
  12. Strike 18

    Sottoscrivo quanto sopra, in questo momento ho finito di buildarlo con ka1 0,30, 4.5 spire punta da 2. L'aroma il solito spettacolo, l'hit c'è ma non stravolgente.
  13. Se riesci a trovare usato un Expro 2.1 sui 50 euro, non dovresti aver bisogno di altro.
  14. Strike 18

    A quanta nico sei? Quanto è distante dal foro dell'aria? Servirebbe una foto dall'alto, fatto salvo che non è atom con un hit straripante.
  15. Hugsvape surge 80w

    Pulse Surge: Surge più piccola e leggera, a scapito della qualità costruttiva.
  16. Karma by sharing lab

    Prova ad accorciarlo.
  17. Karma by sharing lab

    A me pare che i baffi siano troppo lunghi, in particolare il destro (il sinistro forzando puoi farlo passare dietro la torretta e adagiarlo nella parte posteriore della vasca), dove lo poggi? Finisci per ostruire o il foro dell'aria o quello dello squonk.
  18. Karma by sharing lab

    Credo sia stata sollevata per evidenziare la bruciatura. É impossibile posizionarla dove si trova adesso.
  19. Karma by sharing lab

    A che altezza era la coil in origine? Premesso che con quella quantità di cotone, personalmente ci faccio 4 coil.l
  20. Io uso la 400, alimenta perfettamente, cambio i rotolini random ogni paio di mesi.
  21. Novecento by vaping gentleman club

    Comunque tubetti semi-meccanici non mancano, qui un Innokin Endura da 1000 mah preso a 5 euro, il Salt è da 18 mm:
  22. 10 ml 18+10 ml 6+20 ml 0 oppure 10 ml 12 + 10 ml 0.
  23. Primo mtl (low-cost)

    Se valuti rigenerabili, Ephro True e Fresia Rta sono le new entry più interessanti.
  24. Hugsvape surge 80w

    Io la sto usando da giorni e il circuito é il migliore avuto sotto mano finora. Magari domani s'incendia, ma per ora é promosso con lode.
  25. Hugsvape surge 80w

    Dopo qualche giorno di prova, posto le mie impressioni su questa box, ricevuta come sample gratuito da Sourcemore, dove si può acquistare sfruttando anche il coupon code SVAPO8, che dà diritto all’8% di sconto. Si tratta quindi di una box dal prezzo indicativo di una ventina di euro, per chi vuole iniziare col BF e preferisce farlo sfruttando la sicurezza di un circuito. Non è da mettere in concorrenza con RSQ e Pulse, che costano circa il doppio, al limite con la Squeeze. Qui le ho affiancate, per dare un'idea delle dimensioni Il packaging non ridondante, ovvio visto il prezzo: la box, un cavo usb,l’adattore per le 18650 (il formato nativo sono le 26650), le istruzioni e una boccetta in silicone di circa 6 ml effettivi (con la pessima idea di farla nera, che rende difficile intravedere quanto sia il liquido residuo). Il materiale è plastica pura, col vantaggio di rendere la box leggerissima ma la sensazione di un oggetto veramente cheap, cinese nel senso deteriore del termine, di scarsa robustezza e (chissà) longevità. La lamella a vista non è fissata molto bene, il che porta al primo difetto: tra questa e un adattatore grossolano, l’unico modo di posizionare la batteria e azionare la box è di rimuovere entrambi gli sportellini laterali. In pratica non si usano i 5 click, si smanetta spostando la batteria finchè fa contatto, azionando la box. Avrei magari contenuto le dimensioni a scapito del formato nativo della batteria 26650, vista anche la scarsa qualità dell'adattatore. Per mani di normali dimensioni è piuttosto maneggevole, per mani piccole come le mie meno, ma va riconosciuto il tentativo di lievi migliorie ergonomiche al classico cubo. Inoltre, dispone di un tasto fire immenso e comodissimo, talora un po' cliccoso e non alieno da qualche misfire, ma come già scritto i materiali sono al risparmio. Il secondo aspetto sgradevole è l'innesco della boccetta, lievemente trasversale e foriero di perdite, visto anche l'ostacolo rappresentato dal case interno, che limita la possibilità di portare il tubicino a battuta con il pin. Ho trovato spesso la box allagata all'inizio, la pratica aiuta a contenere il problema ma una pulita si rende quasi sempre necessaria. Terzo aspetto non ottimale è il pin non flottante, che non va a battuta con diversi atom se si usa l'anello estetico (ok il 900, ma Speed e Karma non attivano) e addirittura non fa contatto neanche con l'atom stesso, ad esempio Origen Little. La tazza non è male per il resto, e la struttura che accoglie anche atom da 25 è apprezzabile, ma la limitazione resta. Al netto di quanto sopra, la sorpresa più gradevole è rappresentata dal circuito: tenendo conto che si tratta di una box da 20 euro, si può definire superbo. Le opzioni d'uso sono: variwatt, bypass, TC con Ni, SS e TI, TC-TCR ed infine la funzione WPC per personalizzare il tiro in 10 step da 1 secondo con impostazione dei watt. Il tutto da gestire con immediatezza, grazie ad una navigazione essenziale ed intuitiva, e tramite un ottimo display, grande luminoso e completo. L'incremento dei watt ha una funzione che permette, dopo un paio di secondi di pressione costante del tasto +, di salire non più a decimali ma direttamente a watt interi, una soluzione molto valida. L'erogazione, limitandosi all'MTL è ottima, dolce e costante, morbida e fluida, la gestione della batteria molto soddisfacente (circa 500 puff a 13 watt con coil da 1 ohm). Salendo intorno ai 30 watt, la chiarezza si perde, la box affanna un po’. Lettura delle coil soddisfacente con scarti minimi durante la sessione, ma li imputo più al pin che al circuito. Ho provato il TC solo con SS e devi dire che ha battuto Eleaf, Aspire, Yihi 130, HCigar (non DNA), e stracciato Rig Mods (RSQ) e Vaporesso: meno bizzoso, ma performante, senza toccare alcun parametro di TCR del filo. Tirando le somme, nonostante costi 20 euro non mi sento di consigliarla ad utenti di lungo corso, troppi i limiti costruttivi. Certo, come box da ufficio… Viceversa, a chi comincia col bf potrebbe andare bene, con un po’ di pazienza avrà a disposizione un vero e funzionale circuito, una boccetta piuttosto capiente e la possibilità di montare anche atom da 25 mm, ad un prezzo finora inesplorato come entry level. @info-gatherer per me è ni.