Accedi per seguire   
Seguaci 0
Svapo

Sigarette elettroniche, un nuovo pericolo arriva dalle Dogane


1 messaggio in questa discussione

di Barbara Mennitti

Un nuovo pericolo si profila all’orizzonte per il vaping e questa volta proviene dall’Organizzazione mondiale delle dogane, che potrebbe includere le sigarette elettroniche nel capitolo del tabacco. È una materia tecnica e noiosa ma che potrebbe avere ripercussioni importanti e dunque vale la pena di sforzarsi un po’. L’Omd è un ente sovranazionale che rappresenta 182 amministrazioni doganali in tutto il mondo. Tutte le merci e i prodotti che transitano nel mondo sono classificate in diversi capitoli, che vengono rivisti ogni cinque anni. La revisione è necessaria per stare dietro ai cambiamenti del mercato e consentire così di monitorare i flussi del commercio internazionale dei prodotti.
sigarette-elettroniche.jpgAl momento le sigarette elettroniche e i liquidi di ricarica sono inseriti nel capitolo 38, quello dei prodotti chimici. Nel frattempo il mercato del vaping è esploso e dunque questa collocazione non consente di controllare i flussi del commercio dei suoi prodotti. Sembra dunque pacifico che sia necessario trovare una classificazione a se stante per le sigarette elettroniche e qui cominciano i problemi. Al momento le posizioni sul tavolo sono tre. La prima è quella dell’Australia che vorrebbe inserire i prodotti del vaping in un sotto gruppo del capitolo 24, quello del tabacco. Questa sarebbe l’eventualità peggiore e non solo perché manderebbe un messaggio errato ai governi e all’opinione pubblica.
Nei Paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo, per esempio, tutte le merci comprese nel capitolo 24 sono soggette ad una accisa del 100%, che si aggiunge alle tariffe per le importazioni, dunque esportare in quell’area diventerebbe proibitivo. Ma non solo. Ormai il capitolo 24 viene escluso da tutti gli accordi commerciali bi o multilaterali, quindi le ecig non potrebbero beneficiare di nessuna agevolazione tariffaria. I prodotti del capitolo 24 sono anche esclusi dalla protezione degli investimenti in gran parte degli accordi commerciali: chi deciderà di aprire un’azienda del vaping all’estero non potrebbe aspettarsi nessuna protezione.
Vi sono altre due proposte. Quella tedesca prevede di inserire i liquidi nel capitolo del tabacco se sono destinati al consumatore finale e in quello dei prodotti chimici, il 38 appunto, se sono composti per uso industriale. L’altra è stata formulata dalle multinazionali Fontem Ventures (il ramo di Imperial Tobacco che si occupa di vaping), British American Tobacco e Japan Tobacco International e prevede di creare due sottocapitoli. Uno nel 24 (quindi un sottogruppo del tabacco) per i riscaldatori di tabacco e uno nel 38 (sottogruppo dei prodotti chimici) per i liquidi con o senza nicotina.
La decisione finale verrà presa in una sessione che si terrà dall’11 al 19 giugno e alla quale parteciperanno e voteranno i tecnici provenienti da tutti i Paesi dell’Omd. L’Europa porterà una posizione unica che rappresenterà i 28 Paesi dell’Unione, quindi anche l’Italia, e che verrà decisa il 3 giugno a Bruxelles a un tavolo dove siederanno esperti doganali inviati dagli Stati membri. Al momento non è ancora chiaro quale sarà la posizione del nostro Paese, né chi sarà il delegato rappresentanto dell’Italia.

474x95_sigmagazine_tutti-brand.jpg

L'articolo Sigarette elettroniche, un nuovo pericolo arriva dalle Dogane sembra essere il primo su Sigmagazine.

Articolo importato automaticamente da Sigmagazine

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per partecipare

Devi essere un utente registrato per partecipare

Crea un account

Registrati ora, bastano due click!


Iscriviti a Svapo.it

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire   
Seguaci 0
    • 1 Messaggi
    • 14 Visualizzazioni
    • 17 Messaggi
    • 177 Visualizzazioni
    • 1 Messaggi
    • 11 Visualizzazioni
    • 1 Messaggi
    • 76 Visualizzazioni
    • 32 Messaggi
    • 2087 Visualizzazioni