mc viper

Sali di nicotina


57 messaggi in questa discussione

Girando sul web mi sono imbattuto in questa cosa che per me è nuova. Premetto che sono un profano della chimica e che non sono madrelingua inglese,per cui potrei equivocare. La nicotina presente in natura sulla foglia é in forma stabile come sale con ph8. Questa è la forma che penso sia presente nei liquidi convenzionali. Nella combustione del tabacco questa struttura viene scissa liberando dei cationi con ph5, che immagino siano quelli che fanno felici i nostri recettori(recettori che sono gli stessi che si attivano con l'eroina...).

Questi nuovi sali sono ottenuti liberando questi cationi dalla nicotina e, qui vado a tentoni, mi immagino vengano legati ad una componente basica per ottenere dei sali,altrimenti non mi spiego come mai li chiamino sali di nicotina. Questa forma di nicotina dicono essere meno aggressiva in gola, con un buzz nicotinico più veloce ed intenso, cosa che penso interessante perché ne deriverebbe un maggior appagamento con conseguente riduzione della necessità di restare attaccati all'atom o di ricorrervi con meno frequenza. La titolazione nei liquidi può rimanere quella abituale, anche se ho letto di qualcuno che arriva a 50mg/ml (selezione naturale?). Viene presentata in formulazioni differenti, più o meno hit, più o meno smooth.

Sono piuttosto tentato di provarli e spero possano arrivare in Italia senza "incidenti" doganali. La ditta che ho contattato mi assicura che possono spedire da noi anche la versione 100mg/ml...ho qualche dubbio ma penso di fare un tentativo...

Mi farebbe piacere se qualcuno più ferrato in materia mi desse la sua opinione, anche solo per soddisfare la mia curiosità su questo argomento. Grazie!

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

molto molto interessante, complimenti per la scoperta. 

proviamo a taggare @DrGi magari ci spiega l arcano.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
8 minuti fa, mc viper ha scritto:

Girando sul web mi sono imbattuto in questa cosa che per me è nuova. Premetto che sono un profano della chimica e che non sono madrelingua inglese,per cui potrei equivocare. La nicotina presente in natura sulla foglia é in forma stabile come sale con ph8. Questa è la forma che penso sia presente nei liquidi convenzionali. Nella combustione del tabacco questa struttura viene scissa liberando dei cationi con ph5, che immagino siano quelli che fanno felici i nostri recettori(recettori che sono gli stessi che si attivano con l'eroina...).

Questi nuovi sali sono ottenuti liberando questi cationi dalla nicotina e, qui vado a tentoni, mi immagino vengano legati ad una componente basica per ottenere dei sali,altrimenti non mi spiego come mai li chiamino sali di nicotina. Questa forma di nicotina dicono essere meno aggressiva in gola, con un buzz nicotinico più veloce ed intenso, cosa che penso interessante perché ne deriverebbe un maggior appagamento con conseguente riduzione della necessità di restare attaccati all'atom o di ricorrervi con meno frequenza. La titolazione nei liquidi può rimanere quella abituale, anche se ho letto di qualcuno che arriva a 50mg/ml (selezione naturale?). Viene presentata in formulazioni differenti, più o meno hit, più o meno smooth.

Sono piuttosto tentato di provarli e spero possano arrivare in Italia senza "incidenti" doganali. La ditta che ho contattato mi assicura che possono spedire da noi anche la versione 100mg/ml...ho qualche dubbio ma penso di fare un tentativo...

Mi farebbe piacere se qualcuno più ferrato in materia mi desse la sua opinione, anche solo per soddisfare la mia curiosità su questo argomento. Grazie!

 

Da dove te li spediscono? Di per sè la nicotina è un monopolio di stato. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ne aveva accennato @Yeti qui:

 

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Adesso, Scabros ha scritto:

Ne aveva accennato @Yeti

:ok

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inviato (modificato)

Avevo provato a capirne di più ma non ho le competenze, però quello che ero riuscito a desumere è che a parità di composizione chimica, la stessa sostanza può avere esiti diversi a seconda della polarizzazione, per cui c'è una nicotina che ha proprietà diverse dai sali fatti dalla stessa sostanza.
Questo, riassunto alla Alvaro Vitali, poi speriamo in un intervento tecnico 😀

9 minuti fa, dodi75 ha scritto:

 

Da dove te li spediscono? Di per sè la nicotina è un monopolio di stato. 

Mi sa più il tabacco che la nicotina, altrimenti perchè Avoria e Pinkmule (ad esempio) la vendono e spediscono senza imposta?

Modificato da Scabros

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La TPD in Italia ha portato la nicotina nei Monopoli e quindi l'acquisto all'estero rientra da maggio nel contrabbando di Monopoli

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Io ho contattato nude nicotine. So che per gli UK la limitazione é a 72mg/ml. Anche quando l'ho presa da Avoria mi pareva di fare del contrabbando...😎

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ti informo che nude nicotine è americana e la dogana te la sequestrerà  e rischi penalmente per importazione illegale di monopolio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ho appena contattato nude nicotine per saperne di più,questa intanto é la risposta che avevo ricevuto riguardo la concentrazione 

IMG_20171021_213255.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
3 minuti fa, mc viper ha scritto:

Ho appena contattato nude nicotine per saperne di più,questa intanto é la risposta che avevo ricevuto riguardo la concentrazione 

IMG_20171021_213255.jpg

A tuo rischio e pericolo. Metti in conto che comprare online Intra CEE nicotina o prodotti con nicotina è illegale ancor più dall'America

dall'America hai dogana obbligatoria

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

...provo a sentire gli inglesi, in caso vi faccio sapere😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Nicotine uk già testato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il tema era stato affrontato, ma non sviscerato da @Yeti (che invito, se.... ), in concomitanza, qui sul Forum, dell'annuncio di Philip Morris (Articolo), su l'uso dei sali di nicotina.

Interessante capirci di più. ..

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

IMG_20171021_225457.jpg

Questo vale per l'Inghilterra,da verificare x l'Italia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
7 minuti fa, mc viper ha scritto:

IMG_20171021_225457.jpg

Questo vale per l'Inghilterra,da verificare x l'Italia...

In Italia non puoi acquistarla perché in dogana la sequestrano in funzione della TPD.

 

l'Inghilterra non ha applicato la TPD

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

TPD a parte,mi sembra comunque un'argomento interessante. 

La definizione completa di questi sali a quanto ho capito é : sali cationici di nicotina 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

 Dopo aver cercato informazioni su questi fantomatici sali posso affermare che già è attivo il loro impiego in Italia. Vengono usati per le cicche Nicorette e per altre preparazioni in supporto a chi vuole smettere di fumare.

All'interno del forum è presente un articolo pubblicato nel 2016

La nicotina è un alcaloide presente naturalmente nel tabacco in forma oleosa, e come per tutti gli alcaloidi le forme pure e concentrate della sostanza risultano essere tossiche. 

Oggi la nicotina viene prodotta anche per sintesi chimica, questo fa sì chesi presenti in forme diverse da quella naturale: acido, sali e oleoresins.

Tenuto conto che è tra le sostanze che presenta potenzialmente forme molteplici di uso, svapo, farmaceutico e cosmetico, è nata quindi l'esigenza di poter modificare la forma chimica della sostanza per consentire un uso sicuro.

I sali per essere usati nella svapo vanno comunque riportati nella forma liquida di tipo idrofilo, il che ovviamente ne modifica la polarità, e quindi in base al processo e agli agenti di solubilizzazione è possibile ottenere forme polari anioniche e cationiche, ma non è detto che entrambe siano adeguate allo svapo.

Trattare chimicamente la nicotina non è da poco, richiede studi di chimica specifici (chimica organica), e capacità di gestire impianti chimici dovei rischi per la salute non sono indifferenti. Ricordo a tutti che le esalazioni gassose derivanti da una reazione acido/base rilasciano vapori o gas come minimo irritanti, se non addirittura velenosi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sali di nicotina DIY

I sali di nicotina sono ultimamente molto in voga negli USA. Essenzialmente sono una forma di nicotina che, a differenza della nicotina in base libera normalmente presente nei liquidi forniti dal nostro mercato, presentano una struttura chimica che risulta notevolmente più assimilabile per il nostro organismo. Si stima che l'assorbimento possa essere fino a 20 volte più veloce (1,5minuti) e che l'appagamento che ne deriva dall'assunzione sia più simile a quello delle tradizionali sigarette rispetto all'inalazione dei vapori di nicotina in base libera. Risulta inoltre anche notevolmente inferiore la fastidiosa sensazione di irritazione alla gola che alcuni lamentano, motivo per cui le cartucce di ricarica di alcuni dispositivi appositamente dedicati per la vaporizzazione di questi liquidi(il JUUL ad esempio) hanno al loro interno soluzioni che arrivano a concentrazioni di 60mg/ml di questi sali.

Caratterisca principale di questi dispositivi è quella di vaporizzare il liquido a temperature inferiori ai 200 gradi oltre i quali si sviluperebbero sostanze nocive per l'inalazione. Questa è una cosa di cui tener conto nel caso si volessero sperimentare questi liquidi. Molti dispositivi apparentemente innocui perché piccoli (esempio CE 4 o similari) sviluppano in realtà temperature elevate al punto di rendere potenzialmente tossica anche la glicerina vegetale. Risultano idonei invece dispositivi MTL ad alta resistenza alimentati con bassa potenza, tanto meglio se in controllo di temperatura. In questi casi, la priorità non è tanto la resa aromatica, lo è piuttosto la somministrazione di nicotina. Molti infatti a questo scopo vaporizzano basi non aromatizzate.

Tenendo conto che questi liquidi non danno lo stesso HIT della nicotina in base libera e sempre prendendo le dovute cautele(BASSE TEMPERATURE), nulla vieta di miscelari con le consuete basi nicotinizzate nella preparazione dei propri liquidi. Il calcolatore per e-liquid può darvi la quantità finale di nicotina presente o, volendo distinguere le due qualità di nicotina, si possono inserire le due qualità di nicotina nella ricetta come fossero aromi.

Un'altra alternativa può anche essere di dedicare un dispositivo idoneo a questi liquidi quando si sente il bisogno di una "botta di nicotina" e di continuare ad usarne un'altro (degli altri) per i soliti scopi.

Altra avvertenza che mi preme di dare é quella di verificare una eventuale sensibilità o allergia nei confronti dell'acido benzoico. L'acido benzoico viene usato nell'industria alimentare come conservante e si può trovare anche nei farmaci e nei prodotti cosmetici. Non deve essere usato in associazione con acido ascorbico(vitamina C). 

PROCEDIMENTO 

Ci sono alcune alternative per ottenere i sali aggiungendo acidi di diverso tipo. Quello più usato commercialmente è l'acido benzoico,mentre tra chi produce i sali da sé c'è chi usa anche l'acido citrico. L'acido citrico produce un sale con un effetto differente a livello di assunzione, ma va usato però a temperatura inferiore ai 175°C per evitare lo sviluppo di sostanze tossiche.

L'acido benzoico risulta da preferirsi: da studi(non sul lungo termine) risulta comunque molto meno tossico delle sostanze che si sviluppano nella combustione del tabacco.

Il suo rapporto in peso da usarsi nella reazione acido benzoico : base libera di nicotina é di 3:4. In pratica ogni 1g di nicotina va fatto reagire con 0.75g di acido benzoico.

(Per la reazione con l'acido citrico vanno invece fatti reagire 2,37g di acido citrico per ogni 1g di nicotina; l'acido citrico é un acido più debole)

Ci sono modi diversi per ottenere la reazione. 

C'è chi ad esempio aggiunge direttamente la povere dell'acido all'e-liquid mescolando finché non si formano più depositi solidi sul fondo del recipiente.

Un metodo che mi sembra migliore e che da' la possibilità di avere una maggiore precisione è quello di creare una soluzione. Come solvente risulta più indicato il PG rispetto al VG in quanto ha una capacità migliore di dissolvere  l'acido. Nulla vieta comunque di usare VG come solvente o una miscela PVG. Dato che la soluzione andrà riscaldata meglio che il solvente usato non contenga nicotina che con il calore degraderebbe. 

ESEMPIO

Per praticità di utilizzo si può creare una soluzione contenente 10g di acido benzoico con la quantità di solvente necessaria a raggiungere i 100ml di soluzione. Si porta poi la soluzione a 60°C a bagnomaria per 30/60 minuti mescolando di tanto in tanto fino a che non si formeranno più i precipitati. 

Sempre per esempio, volendo far reagire i 10g di nicotina in base libera presenti in 100ml di soluzione titolata a100mg/ml, si preleveranno 75 ml di soluzione di acido benzoico che contengono i 7,5g di acido che servono per la reazione e si uniranno alla soluzione di nicotina mescolando per ottenere una distribuzione uniforme delle sostanze . Il prodotto ottenuto avrà una concentrazione di nicotina che, in questo caso (calcolatore e-liquid), sarà di 57,14mg/ml  di nicotina in sale. 

Ulteriori letture sull'argomento :

http://vaping360.com/nicotine-salts-e-liquid/

https://www.google.com/patents/CA2909967A1?cl=en

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
19 minuti fa, Umbra87 ha scritto:

Quale negozio o marchio, in Italia vendono sali di nicotina? Mi interessa provare un svapo più soffice. Io svapo 6mg. Tiro guancia. Userei ancora 6mg?

VaporArt?

va bene comprare dalla Francia? 

 

https://www.aromes-et-liquides.fr/e-liquide-de-base/5555-booster-n-aux-sels-de-nicotine.html

Ti informo che in Italia questo tipo di sostanza non è autorizzata per l'uso nello svapo, in quanto questi prodotti non sono riconosciuti idonei allo svapo dal ministero della salute

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
20 minuti fa, Umbra87 ha scritto:

Mi interessa provare un svapo più soffice

Attenzione! Questa sembra proprio una proposta indecente per @Svaposoffice:lol:

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
2 ore fa, johnnymax ha scritto:

Attenzione! Questa sembra proprio una proposta indecente per @Svaposoffice:lol:

:D :D :D :D :D  Addirittura...

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
3 ore fa, Umbra87 ha scritto:
3 minuti fa, Svaposoffice ha scritto:

:D :D :D :D :D  Addirittura...

Bello l'uovo di Fabergé 

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per partecipare

Devi essere un utente registrato per partecipare

Crea un account

Registrati ora, bastano due click!


Iscriviti a Svapo.it

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
    • 1074 Messaggi
    • 74346 Visualizzazioni
    • 76 Messaggi
    • 1329 Visualizzazioni
    • 2 Messaggi
    • 125 Visualizzazioni
    • 11 Messaggi
    • 201 Visualizzazioni
    • 3 Messaggi
    • 76 Visualizzazioni