nacho76

Resa e parametri di regolazione


320 messaggi in questa discussione

 Citazione
stevevets ha scritto: Ciao a tutti, scusate... mi sono registrato ieri proprio per cercare questo argomento... ho visto le tabelle preparate e... devo dire che sono confuso... in base a queste se uso filo kanthal A1 da 0,3 mm non posso creare resistenze maggiori di 1,6 ohm altrimenti non riuscirei a scaldare sufficientemente... ma se anche ne preparassi una da, appunto 1,6 ohm dovrei impostare il BB a 5,9 o 6,0 volt, praticamente al massimo ma non potrei usarlo in WV perché i watt necessari sarebbero oltre i 21 !!! Poi... ho voluto fare una prova (e io uso atomizzatori come SQuape e KayFunLite) preparando una resistenza con kanthal A1 da 0,2 mm pari a 2,4 ohm ... bene... stando alla tavola, con kanthal A1 da 0,2 e ohm 2,4 avrei bisogno dai 4,8 ai 5,9 volt per riscaldare adeguatamente... e vi garantisco che è decisamente troppo... in tutti i casi arriva odore di wick bruciata... inutile dirmi se la wick è irrorata... mi faccio resistenze da un anno e in più nel kayfun e nello squape è impossibile che non arrivi liquido alla wick ... ergo ste tabelle mi sembrano poco attendibili!!!

Non son chi ha generato le tabelle (almeno non "queste" tabelle) e nemmeno un "curatore della discussione" ma, nonostante ciò vorrei esporre due appunti sulle tue affermazioni:

Il primo aspetto consiste nel fatto che, se utilizzi un BB elettronico (come si evincerebbe dall'accenno alla regolazione dei volt) utilizzarlo in VV o in VW non cambia nulla, almeno non cambia con riguardo al limite delle prestazioni che può fornire. Anche se regoli i volt al massimo, l'erogazione effettiva del device sarà comunque limitata dal limite di watt erogabili. Se il limite è costituito, ad esempio, da 15W, i volt effettivi saranno ridotti di conseguenza (analogo discorso vale per l'amperaggio massimo sostenuto dal BB) quindi, pur utilizzando la funzione VV, non conseguiresti comunque il risultato. Questo è utile saperlo e sapere che le tabelle, oltre ad indicare plausibili configurazioni, servono anche a comprendere cosa non può essere realizzato (non dovrebbe essere realizzato) per essere utilizzato con un certo device

Secondo punto: i valori delle tabelle. Le tabelle non sono numeri posti lì a caso e derivanti da mere empiriche esperienze ma valori, e soprattutto, rapporti tra valori che discendono direttamente dall'applicazione di leggi fisiche. Gli unici parametri "assiometrici" e determinati da esperienza empirica sono quelli relativi ai valori assegnati per la potenza erogata per unità di superficie (watt/mm2) che, come specificato in sede di presentazione delle tabelle, sono quelli che hanno fornito, alla prova dei fatti, il miglior compromesso con le varie tipologie di sistemi e sono individuati in quattro distinti gruppi che non possono essere scelti a caso ma solo ed esclusivamente con riferimento allo specifico sistema in uso. Il tuo approccio al loro utilizzo è pertanto errato nel momento stesso in cui tu affermi che una coil da "X" Ω può essere utilizzata "indifferentemente" in un range di voltaggi che va da quello necessario a sviluppare 0,30 watt/mm2 a quello occorrente per svilupparne 0,45. Il voltaggio che va utilizzato a stretti termini di tabella è solo quello che è indicato per la potenza unitaria necessaria per il tipo di sistema per cui la coil è stata realizzata. Questo valore costituisce una base "media" di utilizzo sulla quale poi i gusti personali possono intervenire per incremento o decrementi decimali di "aggiustamento".
Le tabelle prevedono altresì l'utilizzo di materiali specifici essendo parametrate solo su materiali originali "Kanthal", marchio di "Sandvik Group" (e non su generico filo "tipo kanthal"). Lo specifico perchè, spesso, si leggono sul forum notizie di chi ha acquistato resistivi che, alla prova strumentale, si sono rivelati ben difformi da quelle che dovrebbero essere le specifiche del prodotto originale.
Altro aspetto fondamentale perchè i valori delle tabelle siano applicabili è costiutuito dalla perfetta realizzazione del sistema tutto. Non è affatto suffiente che "il liquido arrivi alle wick" perché si possa affermare che tutto funziona a dovere. Possono intervenire moltissimi fattori che portano dei calcoli in se confacenti a produrre risultati non soddisfacenti. Alcuni fattori possono essere "casuali" altri "concettuali". I fattori casuali li lascerei al momento un attimo da parte prendendo per buone le tue asserzioni di lunga esperienza maturata che dovrebbe, da sola, permetterti di individuare e correggere gli eventuali "bachi" del sistema (penso, ad esempio, a qualche minimo hot-spot). Passando ai fattori di concetto (ipotizzo) si potrebbe pensare, ad esempio, ad una eccessiva tensione del wire sulla wick, a spire dal passo insufficiente, a terminali tenuti un pochino più lunghi del necessario, resistivi non conformi alle specifiche .... Insomma, a tanti piccoli aspetti, magari sommati, che possano interferire nel corretto comportamento del sistema nel suo complesso.

Con l'utilizzo "consapevole" di queste tabelle decine di utenti (e mi metto nel novero) hanno realizzato sistemi altamente performanti e privi di problematiche del tipo che indichi. Preso atto di questo dato di fatto, avrei qualche perplessità nel sottoscrivere la tua affermazione secondo cui le tabelle sarebbero "poco attendibili".
Se funzionano per gli altri, per tutti gli altri (che, se hanno delle difficoltà si impegnano a trovare risolvere l'errore che ne è causa), e non funzionano nel tuo caso sarei più propenso, fossi in te, a domandarmi il perchè del mio risultato anomalo prima di asserire che quanto dai più trovato corretto non è attendibile.

Mi viene in mente la frase: "nondum matura est, nolo acerbam sumere" (Fedro, trad.: "non è ancora matura, non voglio mangiarla acerba") pronunciata dalla volpe che, per quanto cercasse di saltare in alto, non riusciva a raggiungere il grappolo d'uva che desiderava...

Ciao!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
wo wo wo... ferma tutto...:)allora, caro "bounty"... non ho idea di cosa tu stia parlando... io ho trovato questa discussione e le tabelle... in calce a tutto vedo un tasto "rispondi" e l'ho cliccato per rispondere... punto. Non so cosa significhi la richiesta di aprire un topic (!!!???) e non ho notato alcuna richiesta in tal senso al momento della registrazione... probabilmente perché non ho idea di come funziona il forum...:(... quindi prima di tutto preciso che, visto che pare che il mio messaggio sia stato interpretato con un tono sbagliato, preciso che non voleva essere offensivo per nessuno... ma esprimere la confusione che, a me, creano tali tabelle...
a tal proposito passo a rispondere a "DrGi"..........
allora... io uso BB Vamo e Innokin SVD con atom. KayFunLite e SQuape...
e per rispondere velocemente ti dico, per esempio, che in questo momento sto svapando con il KayFun montato sull' Innokin SVD...
resistenza da 2,1 ohm con kanthal A1 da 0,20...
bene... in base alla tabella, per il KayFun, dovrei erogare 0,40-0,45 w/mm2, cioè impostare un voltaggio fra 4,9 e 5,2... cioè fra 11,5 e 12,9 watt ...
ecco ti dico che se uso questi valori mi arriva in gola quel terribile odore di bruciato...
il massimo a cui posso spingere questa configurazione è a 9,5 watt cioè 4,4 volt che in questo caso si avvicina più a sistemi con resistenze in alto, al contrario dei miei KayFun E SQuape...
ma ci sono casi estremi, nella tabella, tali da rendere impossibile la costruzione della resistenza...
per esempio con un filo KanthalA1 da 0,20, in base alla tabella non potrei fare una resistenza da 2,8 ohm quando, al contrario io l'ho fatta e va benissimo...
altro esempio estremo con un filo KanthalA1 da 0,30, in base alla tabella, non potrei fare resistenze 1,8 quando, al contrario la stò usando sullo SQuape a 13 watt cioè 4,8 volt e ti dico che se vado oltre arriva il terribile odore di bruciato in gola... invece, secondo le tabelle dovrei andare a 7,7 - 8,2 volt ... assurdissimo... no???
Ciao e grazie...;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
 Citazione
stevevets ha scritto: ... ergo ste tabelle mi sembrano poco attendibili!!!
Le conferme alle tabelle da parte di vapers avanzati sono talmente tante che non mi preoccupa una voce fuori dal coro.
Nel fare le resistenze occorre una certa mano, non tutti ce l'hanno anche se svapano da molto tempo.

Se ritieni le tabelle poco attendibili e preferisci trovare i parametri di regolazione a sentimento non vedo quale sia il problema.
E' un metodo anche quello.

Ti sei iscritto apposta per queste tabelle che non ti convincono, ma sono sicuro che su questo forum troverai tanti altri topic interessanti e attendibili.
Grazie in ogni caso per la tua testimonianza.

Pace fratello :ok

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ciao nacho76...:) allora... due cose ti dico:
1) "vapers avanzati" ??? ma per piacere dai...!!!
2) Le mie resistenze sono "assolutamente" perfette... e quando dico
perfette intendo letteralmente perfette... cioè, per realizzarle
uso viti filettate con diametro 1,5 2,0 2,5 3,0 a seconda del
diametro che voglio dare alla resistenza... una volta girato il filo
sulla filettatura, lo scaldo per fissare le spire e poi svito
letteralmente la resistenza dalla vite... ed è "perfetta"... e nessuno
ripeto nessuno può realizzare una resistenza in spirale
perfetta se non in questo modo.
Detto questo ti chiedo, visto che sei tu ad aver pubblicato le tabelle, di spiegarmi, invece di polemizzare e fare il magnifico, come mai con un filo Kanthal A1 da 0,30, in base alla tabella non potrei fare resistenze oltre 1,6 ohm altrimenti i BB non potrebbero scaldarla a sufficienza e come mai, se anche ne facessi una da 1,6 ohm, in base alla tabella, a seconda dell'atom utilizzato, per scaldarla adeguatamente servirebbe un voltaggio da 5,9 a 7,3... mi vorresti che dire che i "vapers avanzati fanno una resistenza da 1,6 con kanthal A1 da 0,3 e poi svapano a minimo 6 volt??? Ma dai...!!!

E comuqnue... ho detto, visto che hai citato le mia frase... appunto... che le tabelle mi "SEMBRANO" poco attendibili... non che sono completamente inattendibili... certo nella media dei casi sono accettabili... ed è qua che i famosi vapers avanzati avranno dato conferme... ma in molti casi io ritengo che i voltaggi consigliati sono eccessivi... molto eccessivi.

Pace a te fratello ... :ok

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Chi usa atom rigenerabili è un "vaper avanzato" per come la vedo io.
A differenza tua, io non ho polemizzato nei precedenti messaggi.

Cosa ti rode?
Sai fare resistenze perfette e i dati che ottieni non trovano riscontro nelle tabelle? Problema tuo, per me tornano benissimo anche nei casi che hai citato.
I tuoi messaggi danno un'interpretazione totalmente fuorviante del metodo proposto.

Fin dal tuo primo messaggio (sul topic e sul questo forum) ti sei posto in modo arrogante, saccente e maleducato.
Questo è il tuo modo di porti su un nuovo forum e in generale verso il prossimo?
Mi auguro che nella vita di tutti i giorni tu abbia un atteggiamento diverso nei riguardi delle persone :sisi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scusate l'intromissione.

Vorrei ricordare all'utente @stevevets che per giovarsi dell'aiuto e del contributo di un forum e della comunità delle persone che lo frequenta, bisogna usare toni e modi che rispondono ad una Netiquette generale che impone di porsi in maniera gentile, non "declamatoria" e certamente disponibile verso tutti.

Altrimenti quello che se ne ricava è ben poco, no?

La tua opinione è rispettabile come quella di tutti. Non esistono diversi piani. Per corroborarla però occorre discutere, e per quanto riguarda il metodo, il tuo al momento è scorretto.

Ti pregherei quindi di cambiare tono, altrimenti, proseguendo, l'unico obiettivo che si potrà raggiungere da parte tua sarà la cancellazione dei post non conformi.

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ciao NACHO76...:) allora... due cose ti dico:
1) "vapers avanzati" ??? ma per piacere dai...!!!
2) Le mie resistenze sono "assolutamente" perfette... e quando dico
perfette intendo letteralmente perfette... cioè, per realizzarle
uso viti filettate con diametro 1,5 2,0 2,5 3,0 a seconda del
diametro che voglio dare alla resistenza... una volta girato il filo
sulla filettatura, lo scaldo per fissare le spire e poi svito
letteralmente la resistenza dalla vite... ed è "perfetta"... e nessuno
ripeto nessuno può realizzare una resistenza in spirale
perfetta se non in questo modo.
Detto questo ti chiedo, visto che sei tu ad aver pubblicato le tabelle, di spiegarmi, invece di polemizzare e fare il magnifico, come mai CON UN FILO KANTHAL A1 da 0,30, IN BASE ALLA TABELLA NON POTREI FARE RESISTENZE OLTRE 1,6 OHM ALTRIMENTI I BB NON POTREBBERO SCALDARLA A SUFFICIENZA E COME MAI, SE ANCHE NE FACESSI UNA DA 1,6 OHM, IN BASE ALLA TABELLA, A SECONDA DEL ATOM UTILIZZATO, PER SCALDARLA ADEGUATAMENTE SERVIREBBE UNA VOLTAGGIO DA 5,9 A 7,3... mi vorresti che dire che i "VAPERS AVANZATI" fanno una resistenza da 1,6 con kanthal A1 da 0,3 e poi svapano a minimo 6 volt??? Ma dai...!!!

E poi, visto che hai citato la mia frase... io ho scritto che le tabelle MI SEMBRANO POCO ATTENDIBILI... non che sono del tutto inattendibili... certo, nella media, i valori sono accettabili, ed è qua che i famosi "vapers avanzati" avranno dato conferme... ma in casi estremi come in molte altre configurazioni in tabella i valori di voltaggio consigliati sono paurosamente alti... molto alti.

Pace a te fratello ...:ok

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
@stevevets: Se ti vengono cancellati gli interventi, c'è un motivo. Ti invito a visionare e rispettare il Regolamento del Forum. Trovo inutile e anche fastidioso, che continui a ripubblicare la stessa cosa.

Sarò chiaro: Se dopo questo mio intervento, reintervieni non rispettando il regolamento, prendo provvedimenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ciao SPIDER...
credevo di aver sbagliato io qualcosa nell'invio del messaggio... ecco perché ho ripubblicato...
ma ora capisco che invece è stato eliminato...
e... ok... dimmi...
quale sarebbe la regola che ho violato ???
Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
ok del regolamento non ti importa. Perfetto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Interessantissima questa discussione!
Stò cercando di seguire i parametri di queste tabelle con la rigenerazione dei miei atom,ma non capisco una cosa.
In pratica tutti quelli che usano microcoil con 10 spire di kantal 0,30,non riusciranno mai a scaldare a dovere la coil?
Sinceramente anch'io uso sul Cyclone bf una microcoil di 10 spire di kantal 0,30 per un impedenza di 2,1 ohm, e la uso a 4,8 volt,che tradotto significano circa 11 watt,ed è spettacolare in tutto,hit e aroma,ma stando alle tabelle una coil del genere dovrebbe essere usata a 9,3 volt :shock:?
Com'è possibile,già se aumento a 5 / 5,5 volt per mè spinge troppo :umpf
Eppure la microcoil mi sembra fatta bene,si accende uniformemente,a secco ovviamente:ghgh,ed è alimentata benissimo,essendo appunto usata in bf.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
 Citazione
Marcobg ha scritto: Interessantissima questa discussione!
Stò cercando di seguire i parametri di queste tabelle con la rigenerazione dei miei atom,ma non capisco una cosa.
In pratica tutti quelli che usano microcoil con 10 spire di kantal 0,30,non riusciranno mai a scaldare a dovere la coil?
Sinceramente anch'io uso sul Cyclone bf una microcoil di 10 spire di kantal 0,30 per un impedenza di 2,1 ohm, e la uso a 4,8 volt,che tradotto significano circa 11 watt,ed è spettacolare in tutto,hit e aroma,ma stando alle tabelle una coil del genere dovrebbe essere usata a 9,3 volt :shock:?
Com'è possibile,già se aumento a 5 / 5,5 volt per mè spinge troppo :umpf
Eppure la microcoil mi sembra fatta bene,si accende uniformemente,a secco ovviamente:ghgh,ed è alimentata benissimo,essendo appunto usata in bf.
Le microcoil non sono il mio campo (non mi sono mai piaciute), tuttavia ho visto in piu occasioni vapers che co lo stesso filo fanno microcoils da 1ohm ci svapano a 11-12 watt.
Ora proprio perché non uso questi setup (microcoils) non voglio esprimermi, tuttavia proprio ieri un utente del forum (laurabis nel topic sui genesis) lamentava scarsissima resa (poco vapore, poco di tutto) con una microcoils 10 spire in kanthal 0.30mm e resistenza da 2ohm :sisi
Il perchè di questa scarsa resa io me lo spiego benissimo, tuttavia non discuto sul fatto che a qualcuno possa provare soddisfazione nello svapare una coil del genere :umpf

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
ciao nacho, ho bisogno del tuo aiuto... perchè tempo per sperimentare ne ho poco e quindi mi servono delle dritte da un esperto.

il problema è questo: io faccio pseudo-microcoils da più di un anno; per pseudo-microcoil intendo che avvolgo i miei atom (nichrome 0,18) con le spire molto strette, a toccarsi, sopra alla wick (di solito 2 fili da 2mm). viaggio attorno agli 8-10W con 0,3-0,5W/mmq, su spinner o BB di seconda mano... e sono felice :sisi.

pochi giorni fa, avendo un po' di tempo libero, mi sono detto: proviamo questo fantomatico subohm! semplicemente ho appiccicato due atom dei miei soliti in parallelo, ottenendo 0,8 ohm circa. Per sicurezza (e per avere sufficienti ampere) ho alimentato il tutto con due 18650 in parallelo in un portabatteria 18650 1s2p con circuito di protezione.

durante i test il mio tester cinese segnava 6,5 ampere... ma la pcb del portabatterie, pure cinese, dovrebbe staccare a 5A ... quindi non si capisce onestamente chi sia "più cinese": il tester o la pcb:ghgh!

nel dubbio ho tenuto per buona la lunghezza dei fili (che sono tetteschi --> res totale uguale a 0,8 ohm, teorici, tetteschi) per derivare i valori del resto... le due 18650 qualunque, non protette, in parallelo, mi hanno fatto ipotizzare che non ci fossero problemi a livello di corrente erogabile...

ecco, il problema è il risultato: che rispetto ai miei soliti atom da 8-10 W è piuttosto deludente!

- niente nuvoloni filippini: c'è da dire che io non riesco ad aspirare il fumo "con i polmoni" perchè mi viene da tossire... me lo faceva anche in gioventù con i ci-um :blush:,
- niente percezioni aromatiche fantascientifiche.
- hit aumentato e quasi fastidioso
- calore eccessivo (questo è il fattore limitante, almeno per i miei gusti), tipo atom bruciagola! dopo 4 o 5 tiri mi devo fermare.

e quindi mi pongo delle domande: perchè in molti sono entusiasti con microcoils-subohm con valori di W/mmq di 0,1(?)
- ha senso ridurre il w/mmq ovvero ridurre l'"efficienza" della coil e compensare il tutto con maggiori watt?
- dovremmo forse rivedere il concetto di W/mmq e adeguarlo alla potenza?
(maggiore la potenza del "sistema" minore il rapporto W/mmq desiderato?)

ciao e grazie,
ale-c

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Mi inserisco nella discussione perché interessantissima

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
 Citazione
ale-c ha scritto:
e quindi mi pongo delle domande: perchè in molti sono entusiasti con microcoils-subohm con valori di W/mmq di 0,1(?)
- ha senso ridurre il w/mmq ovvero ridurre l'"efficienza" della coil e compensare il tutto con maggiori watt?
- dovremmo forse rivedere il concetto di W/mmq e adeguarlo alla potenza?
(maggiore la potenza del "sistema" minore il rapporto W/mmq desiderato?)

ciao e grazie,
ale-c

Guarda ale, i miei esperimenti con il vaping estremo risalgono a molti mesi fa....

Ricordo di aver fatto un quad-coil, con filo kanthalA1 0.30mm, se non ricordo male crica 8-9 spire per coil avvolte intorno ad un cacciavite diametro 1.5mm.
La resistenza totale era di 0.25ohm (1ohm per ciascuna coil presumo), il tutto montato su un atom da dripping con airflow di dimensioni appropriate….
Ebbene la produzione di vapore era degna dei migliori filmati filippini, la resa aromatica buona il calore giusto :sisi

Secondo me (e non solo) per questi setup occorre un atom adatto allo scopo che consenta di regolare l’ariosità in modo opportuno. Con atom comuni questi setup sono proibitivi a mio avviso, perché necessitano di una grande ventilazione delle coil.
Se il calore eccessivo la fa da padrone, finisce per stroncare l’aroma e come tu ben sai, questo vale per qualsiasi sistema.

Tornando mio esperimento “estremo” posso dirti che il setup era stato grossomodo studiato a tavolino e il risultato ottenuto non ha disatteso le mie aspettative (produzione di vapore mostruosa :shock…quella cercavo quel giorno).

Secondo me in molti casi chi usa microcoils, non è che si accontenta o meno di TOT watt/mm2, ma semplicemente si entusiasma alla produzione di vapore sorprendentemente elevata.
Lo svapo con BB meccanico su coil del genere ha una resa molto scostante, e si ha inevitabilmente un “voltage drop” consistente su resistenze così basse (non ho provato a misurare la tensione ai capi di una coil da 0.3ohm, ma penso che più di 3volt non ci siano).
Secondo il modello proposito in questo topic vale anche per le microcils, tuttavia per quanto buone le pile e il BB meccanico, dubito che si possa raggiungere i parametri di regolazione dedotti dai calcoli. Anche perché cosa regoliamo?!

A prescindere dai calcoli penso che la produzione di vapore cosi abbondante che deriva dal sub-ohm, possa risultare appagante per molti vapers nonostante i cali di resa durante il ciclo di scarica delle pile.

Per quel che mi riguarda, gli esperimenti col vaping estremo sono terminati molti mesi fa e per la verità stanno quasi terminando gli esperimenti con lo svapo in generale :rolleyes:

PS: ovviamente se qualche utente vuole approfondire o estendere il modello al sub-hom si accomodi e faccia pure…Io ho quasi smesso di svapare :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
OT: Naaa, Nacho, non ci sparire!:)

Ora c'hai i ciuffi di capelli, ma il tuo avatar col bicchiere di vino in mano non era malaccio ... :]

Ricordo l'assenso che mi dasti sull'uso ottimale dell'aroma al tartufo bianco ... :ghgh, che naturalmente ho messo in pratica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
davvero utile questa presentazione di nacho76:ok
io mi sono avventurato da poco nel mondo dei rigenerabili e adesso ho le idee molto piu' chiare!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ragazzi, mi permetto di fare qui una domanda che mi è sorta spontanea dopo le recenti pubblicazioni sulla formazione di formaldeide e acreolina sopra a certe temperature. Capite che l'interrogativo se qualche decimo di ohm in più nelle mie res su meccanico possa rivelarsi più sicuro mi fa pensare molto.

Ebbene, sui meccanici sto facendo res dual coil per 0,7 ohm totali, ma sono deciso a salire intorno all'1 ohm affinché il wattaggio non superi di molto i 15 watt a batteria carica. Peró mi chiedo...che single coil sia più sicura di dual? O devo assumere che conta semplicemente il valore di resistenza finale? In pratica, c'è qualche motivo di credere che dual scaldi il liquido più della single o viceversa? Perché da quel che ho capito la formazione di sostanze tossiche avviene oltre certe temperature....

Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
 Citazione
Carlo Oxy ha scritto: Ragazzi, mi permetto di fare qui una domanda che mi è sorta spontanea dopo le recenti pubblicazioni sulla formazione di formaldeide e acreolina sopra a certe temperature. Capite che l'interrogativo se qualche decimo di ohm in più nelle mie res su meccanico possa rivelarsi più sicuro mi fa pensare molto.

Ebbene, sui meccanici sto facendo res dual coil per 0,7 ohm totali, ma sono deciso a salire intorno all'1 ohm affinché il wattaggio non superi di molto i 15 watt a batteria carica. Peró mi chiedo...che single coil sia più sicura di dual? O devo assumere che conta semplicemente il valore di resistenza finale? In pratica, c'è qualche motivo di credere che dual scaldi il liquido più della single o viceversa? Perché da quel che ho capito la formazione di sostanze tossiche avviene oltre certe temperature....

Grazie!

ok...
Non mi esprimo sulla formazione di sostanze tossiche... e non lo faccio per una serie di motivi, fra cui un necessario approfondimento, da parte mia.
Ti parleró di temperature.
La pratica del subohm e la sceta di utilizzare un device meccanico, goicoforza e per scelta (la tua) ti porta inevitabilmente ad avere a che fare con temperature elevate. Le temperature si fanno poi crescenti con atteggiamenti svapatori compulsivi... e i gradi possono aumentare drasticamente anche giá solo partendo da una tipica 1.5 ohm.
Le dual coil, in coppia, avranno un atteggiamento difficile da ponderare con esattezza, ma tendenzialmente piú alto in termini di temperatura, rispetto ad una singlecoil di pari valore.
Se ci chiediamo per quanto tempo è attiva una coil, quanto bassa sia l'impendenza, rispetto ad una w potenza alta (e quanto)... ci rendiamo conto che i semplici valori iniziali non saranno mai sufficienti per avere idea, anche solo a spanne, di quanto possa raggiungere una camera atom considerando anche il fattore ambientale... che incide sempre sulle funzionalitá di un atom.

intendo dire che se c'è un pericolo di tossicitá dovremmo preoccuparcene tutti. La pratica del subohm rientra tra le prariche piú estreme dello svapo e questo necessita di consapevolezza. Nessuno puó pensare di praticare (ad esempio) uno sport estremo senza essere cosciente che... rischia qualcosa. Credo che si perderebbe il gusto, l'essenza stessa e i motivi percui certe pratiche... esitono.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie mille!

Si, anche per me l'aspetto formazione sostanze è tutto da analizzare.
Comunque credo sia buono spunto per capire (per me ovviamente, son certo che in tanti siate espertissimi) le differenze tra le coil. Oggi ero via e mi son fatto tre ore di macchina con una dual coil, forzosamente portata a 1,2 ohm e non ho fatto per niente un bel viaggio. Rientrato ho modificato in single ma portandomi volutamente ancora a 1,2 e mi sembra meglio! Ma non so se la differenza sia più nel tempo di reazione del sistema o più dovuta all'altezza della coil rispetto al foro del kayfun che potrebbe essere diversa tra le mie due build.

E non capisco un cosa del discorso: perché meccanici comportano più alta temperatura? Lo dici perché con la maggior parte degli elettronici non si va sub ohm o proprio perché a parità di ohm i meccanici sviluppano più calore? Mi parrebbe alquanto strano...

Grazie mille!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
 Citazione
Bounty ha scritto:
ok...
Non mi esprimo sulla formazione di sostanze tossiche... e non lo faccio per una serie di motivi, fra cui un necessario approfondimento, da parte mia.
Ti parleró di temperature.
La pratica del subohm e la sceta di utilizzare un device meccanico, goicoforza e per scelta (la tua) ti porta inevitabilmente ad avere a che fare con temperature elevate. Le temperature si fanno poi crescenti con atteggiamenti svapatori compulsivi... e i gradi possono aumentare drasticamente anche giá solo partendo da una tipica 1.5 ohm.
Le dual coil, in coppia, avranno un atteggiamento difficile da ponderare con esattezza, ma tendenzialmente piú alto in termini di temperatura, rispetto ad una singlecoil di pari valore.
Se ci chiediamo per quanto tempo è attiva una coil, quanto bassa sia l'impendenza, rispetto ad una w potenza alta (e quanto)... ci rendiamo conto che i semplici valori iniziali non saranno mai sufficienti per avere idea, anche solo a spanne, di quanto possa raggiungere una camera atom considerando anche il fattore ambientale... che incide sempre sulle funzionalitá di un atom.

intendo dire che se c'è un pericolo di tossicitá dovremmo preoccuparcene tutti. La pratica del subohm rientra tra le prariche piú estreme dello svapo e questo necessita di consapevolezza. Nessuno puó pensare di praticare (ad esempio) uno sport estremo senza essere cosciente che... rischia qualcosa. Credo che si perderebbe il gusto, l'essenza stessa e i motivi percui certe pratiche... esitono.
Quoto tutto:ok
Mi permetto di aggiungere che per setup estremi occorre una adeguata ventilazione della/e coil/s e quindi fori nel cup di dimensioni maggiori rispetto all'usuale. In mancanza di questo si raggiunge molto prima il surriscaldamento della/e resistenza/e.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
 Citazione
nacho76 ha scritto: [quote=Bounty ]
ok...
Non mi esprimo sulla formazione di sostanze tossiche... e non lo faccio per una serie di motivi, fra cui un necessario approfondimento, da parte mia.
Ti parleró di temperature.
La pratica del subohm e la sceta di utilizzare un device meccanico, goicoforza e per scelta (la tua) ti porta inevitabilmente ad avere a che fare con temperature elevate. Le temperature si fanno poi crescenti con atteggiamenti svapatori compulsivi... e i gradi possono aumentare drasticamente anche giá solo partendo da una tipica 1.5 ohm.
Le dual coil, in coppia, avranno un atteggiamento difficile da ponderare con esattezza, ma tendenzialmente piú alto in termini di temperatura, rispetto ad una singlecoil di pari valore.
Se ci chiediamo per quanto tempo è attiva una coil, quanto bassa sia l'impendenza, rispetto ad una w potenza alta (e quanto)... ci rendiamo conto che i semplici valori iniziali non saranno mai sufficienti per avere idea, anche solo a spanne, di quanto possa raggiungere una camera atom considerando anche il fattore ambientale... che incide sempre sulle funzionalitá di un atom.

intendo dire che se c'è un pericolo di tossicitá dovremmo preoccuparcene tutti. La pratica del subohm rientra tra le prariche piú estreme dello svapo e questo necessita di consapevolezza. Nessuno puó pensare di praticare (ad esempio) uno sport estremo senza essere cosciente che... rischia qualcosa. Credo che si perderebbe il gusto, l'essenza stessa e i motivi percui certe pratiche... esitono.
Quoto tutto:ok
Mi permetto di aggiungere che per setup estremi occorre una adeguata ventilazione della/e coil/s e quindi fori nel cup di dimensioni maggiori rispetto all'usuale. In mancanza di questo si raggiunge molto prima il surriscaldamento della/e resistenza/e.probabilmente sara'come dite voi ma io non sono molto d'accordo!parto dal presupposto che studi seri in materia non ce ne sono,almeno per quello che ne so'io,detto questo si va' un po' che ognuno dice la sua.secondo me la cosa fondamentale è che la coil deve essere proporzionata in base al carico di corrente che riceve,sicuramente il subohm scalda di piu' e piu'in fretta ma questo non vuol dire che produce per forza sostanze piu' dannose che con una classica res.,il termometro dal mio punto di vista è che "il filo non mente"quindi che sia classica o sub una resistenza che allo svapo non rilascia cattivi sapori di bruciato o altro ma funziona bene ,dal punto di vista delle emissioni nocive non ci sono grosse differenze fra i vari sistemi.sempre dal mio punto di vista la cosa che differenzia i vari sistemi è invece la quantita' delle sostanze che inaliamo,a parita' di svapate: con un subohm a 25 watt è come se fumassimo piu' sigarette(facendo questo paragone)rispetto a quelle fumate facendo il paragone con una normale e classica res che usiamo a 8 watt.è anche vero che di solito con basse resistenze si riduce per appagamento il numero di svapate cosa che invece a 8 watt si sta' piu' spesso attaccati al ciuccio!!:)naturalmente tutto questo da me detto è rigorosamente IMHO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
@Merlino64
In realtà guarda che siamo tutti d'accordo. ;)

Però...
senza andare a citare l'esatta sostanza che si sprigiona (anche se la conosciamo)... tutti sappiamo che un hotspot (ad esempio) non è il massimo della svapata. Sopratutto quelli "nascosti" ovvero quelli così piccoli da essere poco percepibili. L'hotspot è figlio di qualsiasi ohm e difatto si manifesta come un surriscaldamento (incandescenza) dei nostri amati "fili", ma di conseguenza anche di mesh (nel caso di atom genesis).
Per questo non è necessario essere in subohm. Anzi... potenzialmente tutti gli atom (sopratutto genesis) si portano dietro questo amichetto fedele che... all'aumentare della temperatura poi, si rivela.

@Carlo Oxy - "E non capisco un cosa del discorso: perché meccanici comportano più alta temperatura?" fine citazione.

No. Non fraintendere. Intendevo dire che l'uso dei meccanici innesca nel vaper un desiderio di prestazione ideale che solitamente porta ad abbassare gli ohm.

Con sistemi gestiti da circuito... la cosa non cambia. Abbassi gli ohm e alzi i W di conseguenza. Se il filo che usi è più spesso dello 0.20 (0.30 ad esempio)... per aumentare ulteriormente la reattività della coil... gli dai anche quei 2/3W in più a discapito di ogni formula. ;)
Quando non hai poi un circuito che ti permette di scendere sotto l'1.2 ohm... stà sicuro che ti procurerai (chessò un dna30) che arriva a gestire lo 0.5ohm :sisi
Altro che maggior soddisfazione e svapo meno compulsivo... ti ci attacchi comunque finchè il tip non ti scioglie le labbra. :ohmy:

Oh però se si tratta di rigenerare in cotone tutti si preoccupano di dire che non deve essere sbiancato in certi modi e che è meglio quello Bio. :ghgh

Buonsenso. :ok

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Capisco perfettamente quel che dici e ti ringrazio del chiarimento, Bounty. Uso sia meccanici che DNA 30, dunque ho pure toccato con mano quel che illustri.

Se ho scritto in questo topic era proprio per capire meglio la differenza tra single e dual coil. Io noto che la dual ci mette più tempo a diventare incandescente della single, a parità di resistenza, dunque mi ero posto il dubbio se la dual in realtà tenesse temperature più basse, a dispetto della diversa percezione, poiché vi è più superficie a scaldare il liquido. Capire qualcosa di più sulla teoria delle coils mi piacerebbe e il discorso della tossicità in fondo era un pretesto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per partecipare

Devi essere un utente registrato per partecipare

Crea un account

Registrati ora, bastano due click!


Iscriviti a Svapo.it

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
    • 47 Messaggi
    • 1140 Visualizzazioni
    • 86 Messaggi
    • 3987 Visualizzazioni
    • 1 Messaggi
    • 63 Visualizzazioni
    • 19 Messaggi
    • 417 Visualizzazioni
    • 24 Messaggi
    • 717 Visualizzazioni