ino 59

Utente
  • Numero contenuti

    117
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

26 Positiva

Su ino 59

  • Compleanno 16/09/2010

Visite recenti

711 visite nel profilo
  1. Scusami, forse a quest'ora non connetto più, ma al link che hai postato si vende nicotina mischiata esclusivamente ad acqua se ho ben capito. E a che serve 1 l. di acqua mista a nicotina. Sicuramente farò la figura dello stupido...ma la cosa sarebbe interessante. Puoi gentilmente spiegare ? Grazie !
  2. Si, ma mi sembra una coincidenza un pochettino "strana"
  3. Ma nessuno è al corrente di quanto accaduto ieri, e che ho già postato ? Forse sbaglio io comunque lo ribadisco. Magari a qualcuno può interessare... I giudici della Consulta, con una sentenza depositata oggi (15 relatore e' il giudice Giuliano Amato), hanno dichiarato inammissibili e non fondate le questioni sollevate dal Tar Roma, 15 nov. - E' legittima l'imposta stabilita sulle sigarette elettroniche, contenenti o meno nicotina. Lo ha sancito la Corte Costituzionale che ha bocciato le questioni di legittimita' sollevate dal Tar del Lazio contro il decreto legislativo del 2014 che assoggetta alla medesima imposizione - pari al 50% dell'accisa gravante sull'equivalente quantitativo di sigarette - i prodotti da inalazione senza combustione costituiti da sostanze liquide, contenenti o meno nicotina, esclusi quelli autorizzati all'immissione in commercio come medicinali. I giudici della Consulta, con una sentenza depositata oggi (relatore e' il giudice Giuliano Amato), hanno dichiarato inammissibili e non fondate le questioni sollevate dal Tar: gia' nel 2015, la Corte si era occupata della sigaretta elettronica, dichiarando illegittima la 'maxi' imposta di consumo che era stata in precedenza stabilita (pari al 58,5 per cento del prezzo di vendita al pubblico, equiparata dunque all'accisa sulle sigarette). Ora il decreto del 2014, secondo i 'giudici delle leggi', "ha rimosso le ragioni d'illegittimita' della disciplina precedente, che non potrebbero essere replicate". L'imposta di consumo in questione "la cui finalita' primaria e' data dal recupero di un'entrata erariale (l'accisa sui tabacchi lavorati) erosa dal mercato delle sigarette elettroniche - rileva la Corte - non contrasta con il principio di capacita' contributiva di cui all'articolo 53 della Costituzione, anche nella parte in cui assoggetta i liquidi privi di nicotina alla medesima aliquota impositiva dei liquidi nicotinici". Infatti, si osserva nella sentenza, "colpisce beni del tutto voluttuari, immessi in consumo dai fabbricanti e dai produttori, che per cio' stesso dimostrano una capacita' contributiva adeguata, cosi' come i consumatori finali sui quali viene traslata l'imposta. D'altronde, al legislatore spetta un'ampia discrezionalita' in relazione alle varie finalita' alle quali s'ispira l'attivita' di imposizione fiscale". Infine, sottolinea la Consulta, "la finalita' secondaria di tutela della salute propria dell'imposta di consumo, che gia' di per se' giustifica l'imposizione sui prodotti nicotinici, legittima anche l'eventuale effetto di disincentivo, in nome del principio di precauzione, nei confronti di prodotti che potrebbero costituire un tramite verso il tabacco".
  4. Guarda che anche se arrivi a nicotina 0 non cambia nulla... il nostro "caro" amato redattore della legge approvata dalla consulta ieri, prevede la stessa tassazione sia per i liquidi contenenti nico sia per quelli che proprio nicotina non ne hanno !
  5. Possibile ? Nessuno si è accorto che in data 15/11/2017 la Consulta si è espressa favorevolmente sulla tassazione dei liquidi, anche se non contenenti nicotina ? Redattore il sig. amato ...I giudici della Consulta, con una sentenza depositata oggi (relatore e' il giudice Giuliano Amato), hanno dichiarato inammissibili e non fondate le questioni sollevate dal Tar Roma, 15 nov. - E' legittima l'imposta stabilita sulle sigarette elettroniche, contenenti o meno nicotina. Lo ha sancito la Corte Costituzionale che ha bocciato le questioni di legittimita' sollevate dal Tar del Lazio contro il decreto legislativo del 2014 che assoggetta alla medesima imposizione - pari al 50% dell'accisa gravante sull'equivalente quantitativo di sigarette - i prodotti da inalazione senza combustione costituiti da sostanze liquide, contenenti o meno nicotina, esclusi quelli autorizzati all'immissione in commercio come medicinali. I giudici della Consulta, con una sentenza depositata oggi (relatore e' il giudice Giuliano Amato), hanno dichiarato inammissibili e non fondate le questioni sollevate dal Tar: gia' nel 2015, la Corte si era occupata della sigaretta elettronica, dichiarando illegittima la 'maxi' imposta di consumo che era stata in precedenza stabilita (pari al 58,5 per cento del prezzo di vendita al pubblico, equiparata dunque all'accisa sulle sigarette). Ora il decreto del 2014, secondo i 'giudici delle leggi', "ha rimosso le ragioni d'illegittimita' della disciplina precedente, che non potrebbero essere replicate". L'imposta di consumo in questione "la cui finalita' primaria e' data dal recupero di un'entrata erariale (l'accisa sui tabacchi lavorati) erosa dal mercato delle sigarette elettroniche - rileva la Corte - non contrasta con il principio di capacita' contributiva di cui all'articolo 53 della Costituzione, anche nella parte in cui assoggetta i liquidi privi di nicotina alla medesima aliquota impositiva dei liquidi nicotinici". Infatti, si osserva nella sentenza, "colpisce beni del tutto voluttuari, immessi in consumo dai fabbricanti e dai produttori, che per cio' stesso dimostrano una capacita' contributiva adeguata, cosi' come i consumatori finali sui quali viene traslata l'imposta. D'altronde, al legislatore spetta un'ampia discrezionalita' in relazione alle varie finalita' alle quali s'ispira l'attivita' di imposizione fiscale". Infine, sottolinea la Consulta, "la finalita' secondaria di tutela della salute propria dell'imposta di consumo, che gia' di per se' giustifica l'imposizione sui prodotti nicotinici, legittima anche l'eventuale effetto di disincentivo, in nome del principio di precauzione, nei confronti di prodotti che potrebbero costituire un tramite verso il tabacco". Senza parole.... @ino 59
  6. Sono in confusione!

    Grazie @Zinzin6 .
  7. Sono in confusione!

    No, non è il nostro consiglio, ma il tuo. Non è carino parlare per gli altri.parlare per gli altri. Quanti anni sono che svapi ? Io veleggio per gli otto e ricordo benissimo quando si svapava con un hardware assolutamente impresentabile oggi, e dovevi salire con la nico. Io ai tempi ho provato anche a 36 mg./ml. Ovviamente chi inizia ora o comunque svapa da relativamente poco, inorridisce quando qualcuno parla di nicotina più alta. Ma è nel contempo fortunato perché con l' hardware odierno è tutto molto facile, infatti anche io sono sceso a 4 mg./ml., salvo risalire a 6 mg./ml.. Svapo contrastato. Ovviamente svapando a 6 con tiro di polmone, beh l' ho provato un po' di volte e anche con il tfv8, ma la nico è troppo alta. In conclusione ciò che intendo dire che se la persona ha bisogno di una percentuale di nico piu' alta, piuttosto di tornare alle analogiche, allora la penso in pieno come il "veterano" che citi @Bax78 e [email protected] Follia . Comunque nemmeno io capisco perché mettere un tfv8 su una ego aio e svapare a 18. Occorre lavorare sull' hardware, imho anche se la nicotina è pericolosa nel lungo periodo, ma sempre meglio che aspirare catrame bruciato e centinaia di sostanze nocive contenute nelle analogiche.
  8. Anch'io amo moltissimo La Petite Box, forse è davvero la piu' bella... pero' anche la q mini class Ferrari red non è male. Le possiedo tutte e due ma se mi chiedessero di tenerne una sola probabilmente terrei la Petite box, forse e imho, una delle piu' belle box minimaliste mai realizzata. Ma poi come si fa a dire la più bella ? Io ho parecchio hardware che nemmeno uso. Ora mi sto' calmando con gli acquisti, in fondo veleggio verso gli otto anni di svapo e di roba ovviamente ne ho acquistata...
  9. Box ed atomizzatore

    Assolutamente, assolutamente ...
  10. Beh, non staro' a difendere le Categoria, anche se è grazie a questo prodotto, non senza fatica, io sette anni fa ho smesso dalla sera alla mattina (con tanta volontà...). Ma della Categoria, ignobile sigaretta elettronica, io ricordo l' eliquid fantastico, il migliore che io abbia mai provato. E non sono l' unico persino qui.
  11. Ricordate la categoria?

    Anch'io ho smesso sette anni fa con la Categoria. Ricordo il liquido partticolarmente buono. Solo che pochi sapevano che aveva una percentuale di nico altissima. Quell'aroma era così buono che non ne ho trovato uno pari in sette anni .....:(
  12. Mah, Hadalay, e sicuramente Wasp...io ne ho preso tre per paura di non trovarlo piu'..grande aroma e resa.Anche il Pulse non è niente male. Comunque Wasp e non te ne pentirai. Imho per me non prendere lo Speed...uno dei pochi acquisti sbagliati che ho fatto, oltre tutto originale !!! Rende, rende ! Fidati. Ottimo atom ad un prezzo conveniente. Svernicia i blasonati costosissimi.
  13. Consigli per iniziare bf

    Prendi uno Wasp...non te ne pentirai. Prezzo buono peraltro
  14. Porca miseria ! Io questa box l' ho pagata 200 euro Incredibile. Va bene, ma ricorda che ha un banco di potenza a ioni di litio non semplice da trovare in caso di forzata sostituzione. Per il resto è una box che va davvero bene. Io non esiterei...
  15. Vct6 originali?

    Credo difficile riuscire a farsi sostituire una pila. Comunque si puo' provare..