Svaposoffice

Utente Plus
  • Numero contenuti

    1764
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

1731 Ottima

Su Svaposoffice

  • Livello
    Svapatrice che aspira a esser felice

Informazioni su di te

  • Città Roma

Visite recenti

5033 visite nel profilo
  1. Le sigarette analogiche? peggio di ciò che pensiamo....

    Io ti do ragione, però penso che molti sono un po' gregari, e fanno più facilmente quello che è popolare e diffusamente praticato. E che se questo vale per ogni cosa, conta anche di più per vizi come il fumo, che sono una vera e propria piaga sociale difficile da sradicare. E' addirittura pericoloso sottovalutare la forza della componente sociale in questi fenomeni... Lo svapo, per come lo vedo, è ancora qualcosa non dico di nicchia, ma abbastanza esclusivo, e posso solo sperare che in futuro la situazione migliori. E' certamente vero, infatti nel mio giro sono quasi la sola a svapare, perché al momento ho più problemi di salute degli altri e devo preoccuparmene, ma sta di fatto che i veri salutisti tra i miei amici non hanno fumato mai, o hanno smesso da molto tempo senza nemmeno bisogno di svapare.
  2. Un po' mattacchione sei, ma insomma, salute a parte, con tutta la varietà di aromi da svapo che esiste, perché voler trasformare delle svapate in mangiate, visto che tanto non sarebbero mai la stessa cosa? Ma fatti un bel crostino di pane caldo e croccante con burro e alicette, vuoi mettere?
  3. Le sigarette analogiche? peggio di ciò che pensiamo....

    Forse si, in ogni caso le tentazioni ce le ho anche io, ma guardando il carrello a rotelle strapieno di roba da svapo che ho, e le casse piene di scorte di basi e aromi che ho comprato a razzo ai primi cenni di crisi per poter affrontare gli attuali tempi bui, mi controllo. Penso anche alle tante cose che ho riposto nel cassetto senza più usarle, ed ai liquidi provati e buttati subito, un bello spreco iniziale quasi inevitabile, mentre ora conosco i miei gusti e posso comprare andando sul sicuro. Poi, se mai uscissero dispositivi davvero innovativi, rispetto alle mie esigenze, allora ci farei un pensierino, ma per ora non mi pare che sia successo, forse nel mondo dei rigenerabili è diverso. Forse, anche se nel caso dei miei amici avere vite impegnate da infarto è vero, ma oggettivamente loro non sono convinti nonostante la mia esperienza positiva, poi c'è anche che io ho dovuto svapare per ragioni di salute, e magari chi non le ha in modo impellente è meno motivato. Resto comunque convinta che se il clima generale fosse più favorevole allo svapo invece che ostile per i motivi che tanto spesso abbiamo deplorato, molti si accosterebbero alla pratica, ma come volete che chi è già incerto si senta attratto da qualcosa che al momento richiede contatti come i nostri per scoprire dove procurarsi alcune cose in futuro, perché si rischia di non trovarle più? Insomma, se fossimo in un paese come l'Inghilterra dove il sistema sanitario ormai raccomanda lo svapo, sono sicura che le cose andrebbero diversamente, ed è illusorio sottovalutare il danno fatto dalla politica corrotta allo svapo.
  4. Le sigarette analogiche? peggio di ciò che pensiamo....

    Beh, a quanto pare io sono un caso intermedio, ho speso un botto all'inizio, cercando affannosamente e a lungo qualcosa che mi appagasse alla perfezione, in tutto, dai dispositivi agli aromi, ma dopo mi sono calmata, e resisto a certe tentazioni, con tutta la roba che ora ho sto a posto e non vale la pena, però forse per me lo svapo non è una passione ma solo un mezzo per non fumare, che deve essere il più piacevole possibile per funzionare.
  5. Le sigarette analogiche? peggio di ciò che pensiamo....

    Io mi posso basare solo sulla mia limitata esperienza, perché mica tutti quelli che conosco fumano e vorrebbero smettere, e tra quelli uno solo ha fatto come dici, ossia va avanti benissimo con un Justfog e senza tante pretese in fatto di liquidi. Mentre altri, dopo aver svapato con qualcosa che gli avevo regalato o fatto provare non sono stati soddisfatti né convinti, per cui nel loro caso una certa ricerca dei dispositivi giusti, anche se non dico ai livelli di chi ne fa una passione, sarebbe stata necessaria, e davvero hanno troppo da fare per mettersi a frequentare il forum o il web per iniziare a capirci qualcosa; io del resto non posso sostituirmi a loro in questo, perché lo sai quanto divergono tutti i nostri gusti, lo vediamo sempre dalle nostre discussioni sui liquidi, ad esempio. E' vero comunque che forse gli stessi non erano motivatissimi, e di sicuro l'attuale clima di generale demonizzazione dello svapo non aiuta a buttarsi nell'impresa, perché gli amici possono anche fidarsi del mio raziocinio, ma pensare che di fatto la ricerca scientifica finora appare contraddittoria e che io potrei sbagliarmi. Certi sono pure preoccupati per me e mi avvertono se esce qualche articolaccio di quelli che sappiamo, ma loro che ne sanno, non è che parlo con tutti della complicata situazione in atto, cerco pure di spiegarla, ovvio, ma solo chi l'ha seguita come noi del forum se ne rende conto appieno. Insomma, dico solo che la situazione tanto facile non è, e che lo sappiamo già, e che se a livello sociale lo svapo in Italia fosse più popolare e più facile da intraprendere senza sforzi particolari, come quelli che facciamo noi che gli dedichiamo tempo e attenzione, di sicuro sarebbe più praticato. Ma io non alludevo a me, che non ho mollato, e mi guardo bene dal voler mollare in futuro, stavo descrivendo quella che a me sembra la situazione in genere, o almeno quello che vedo nel mio contesto sociale.
  6. Le sigarette analogiche? peggio di ciò che pensiamo....

    Ma infatti ho detto che l'impegno necessario a svapare bene è una cosa positiva, solo che molti non possono concederselo, ho amici con bambini piccoli e vite lavorative vorticose che proprio non riesco a convertire allo svapo, il tempo per capire come funzionano i dispositivi, che poi sono aggeggi semplici, mica alta elettronica, però sono comunque poco conosciuti, o di mettersi a fare mix con basi e liquidi, non ce l'hanno... Penso che invece l'immediatezza disimpegnata del fumo analogico, che spegne bene anche il cervello oltre a tutti gli altri organi, sia purtroppo il suo punto di forza, per cui mi auguro anche io come tutti voi che sparisca al più presto, ma non la vedo tanto facile.
  7. Le sigarette analogiche? peggio di ciò che pensiamo....

    A mio parere il vero svantaggio dello svapo rispetto al fumo è, paradossalmente, quello che si può considerare uno dei suoi pregi principali, ossia la possibilità di personalizzarlo al massimo, fino a raggiungere un vero appagamento soggettivo; sebbene a giudicare dalle scimmie di cui si sente, c'è pure chi a tale condizione di relativa stabilità sembra non arrivi mai. Io ci ho messo almeno un anno e mezzo e parecchio impegno per trovare tutto quanto mi stava bene, dalle box ai tubi agli atomizzatori, ed alle forme e materiali dei drip tips, per non parlare della messa a punto delle ricette dei liquidi. Insomma, anche se esiste pure chi si accontenta, ma non mi pare che siano tanti, per arrivare alla soddisfazione spesso ci vuole molto tempo, serve della ricerca di informazioni in un campo ben poco noto ai più, ed occorre anche spendere un bel po' di soldi per cose che poi dopo averle provate spesso finiscono in un cassetto o nel lavandino. E tutto questo ovviamente non lo possono fare tutti, chi non è intrigato veramente dallo svapo, o molto motivato a chiudere con le analogiche, e magari ha una vita super impegnata, ci rinuncia in partenza; per non parlare di quanto sia scoraggiante l'attuale situazione di soprusi legislativi e caos conseguente, oltre alle notizie poco chiare da sempre sulla reale natura delle e cigs.
  8. Aromi... spesso sapore di chimico!?

    Come molti ti hanno detto, purtroppo anche io ho dovuto buttare parecchia roba prima di trovare aromi come li cerchi, senza retrogusti chimici, infatti ho provato roba osannata da tanti che invece a me pareva gomma americana scadente, comunque alla fine ne ho trovati di diverse marche, La Tabaccheria, DKS, Enjoysvapo, Azhad, Delixia. Questi mi pare che abbiano gusti molto fedeli e naturali.
  9. Lavare bottiglie porta aromi e bf

    Io uso solo aceto bianco in acqua caldissima del rubinetto, e aggiungo l'Amuchina quando serve anche disinfettare, ma è all'aceto che non resiste alcun odore e nemmeno nessun residuo grasso. Però attenzione a non esagerare con i tempi di immersione, per non corrodere le guarnizioni, basta quando l'acqua si è raffreddata.
  10. Consiglio nuovo acquisto

    Si, tutte ma proprio tutte le coils della serie Nautilus e quelle del Triton Mini (ma non Triton) sono intercambiabili, comprese quelle per TC. Beh, a me piace il Triton Mini oltre che per parecchi validi motivi principalmente perché mi soddisfa un tiro di guancia ma abbastanza arioso, e l'atom consente molta versatilità da quel punto di vista. Però a quello scopo conta molto non solo l'apertura o meno dell'aria, ma anche la forma del drip tip. Con uno relativamente stretto si favorisce il tiro di guancia, con uno invece più largo quello di polmone. Possedendo entrambi i tipi di drip tip si può dunque variare meglio il tipo di tiro, se lo si desidera.
  11. Nautilus by aspire: tutte le versioni.

    Si, anche io di Pico ne ho in diversi colori, ed avevo notato che il full black è veramente bello. Anche il Triton Mini esiste in nero. Non ci crederai, ma io che ormai posiziono la ghiera del Triton Mini in posizione svapo in modo automatico, proprio ieri sera, distratta, me ne sono scordata, ma al primo tiro che sapeva di bruciato ho realizzato, e per fortuna ho salvato in tempo la coil.
  12. Consiglio nuovo acquisto

    Confermo che Triton e Triton Mini sono diversi, che tutte le testine Triton Mini e serie Nautilus sono reciprocamente compatibili tra loro, e che scegliere quali ti piacciono dipende solo dai tuoi gusti, dopo avere fatto qualche indispensabile prova. Dato che mi convincono tutte come aroma, e che non mi va di usare il TC, io ne faccio una questione di temperatura, che vario a seconda delle stagioni: - vapore più fresco con tutte le 1,8 sia Clapton che normali, e le 1,6 - vapore tiepido con le 1,2 - vapore caldo con le 0,7 in sub ohm. Per i liquidi, con il Triton Mini mi è capitato di usare per sbaglio dei 70% VG, invece che 50, e devo dire che l'atom ha continuato a lavorare bene, però si è trattato di episodi occasionali, e non saprei che cosa potrebbe accadere se fossero adottati in permanenza. Perciò ti consiglierei i soliti 50 e 50.
  13. Nautilus by aspire: tutte le versioni.

    Mi fa piacere che l'accoppiata Pico/Triton Mini ti sia piaciuta, a me così tanto che dopo, a parte l'acquisto di qualche tubo circuitato, mi sono fermata, e ho riposto nel cassetto i numerosi altri atomizzatori che avevo, compresi alcuni Nautilus 2, buoni, ma sempre unticci e rigati per problemi di apertura. Con il duetto di cui sopra da allora la mia vita di svapatrice è semplificata al massimo, io non cerco complicazioni elettroniche che per altri possono essere un piacevole passatempo, a me occorrono maneggevolezza, rapidità e praticità in ogni situazione, e direi che pochi dispositivi sono in grado di garantirle quanto questi nostri.
  14. Nautilus by aspire: tutte le versioni.

    Se è esaurito è perché è un atom che piace ed ha successo, ma se cerchi in giro si trova, e comunque tornerà prima o poi, no? Come dice @Riciho scritto tanto sul Triton Mini, e se usi la ricerca del forum troverai i miei interventi. Io lo trovo ottimo, è chiaro, pari o quasi al Nautilus 2 per aroma e tiro, ma più versatile, enormemente più facile da gestire (ormai riesco a ricaricarlo anche in piedi e di corsa perché magari un taxi mi aspetta sotto casa, roba di secondi), e poi consuma molto meno. Questo però si verifica soprattutto con le coils in sub ohm da 0,7 oppure quelle da 1,2, mentre con le 1,8 sia normali che Clapton beve un poco di più; ma se ti piace il vapore fresco e non ti va di alzare le temperature nemmeno in inverno, allora vanno bene. Sottolineo anche che è possibile cambiare le coils anche se è pieno, e che la loro durata è molto soddisfacente, se l'inizializzazione è stata ben fatta e graduale. Per avere una resa ottimale infine, suggerisco sempre di cambiare il drip tip, che in ceramica o pietra o delrin, per uno come te che magari non vuole scottarsi le labbra, potrebbe essere ideale; e, se fosse anche larghetto, quasi come quelli da polmone, anche se usato per tiro da guancia, scongiurerebbe quasi tutti i rischi di bruciare la coil.
  15. Già, nel Rinascimento addirittura il potere politico illuminato e la poesia potevano felicemente coincidere, mentre oggi viviamo una triste decadenza fatta di troppi individui meschini e volgari al governo. E il danno fatto svapo è solo uno dei mali minori che quelli hanno causato.