Cheshire

Utente
  • Numero contenuti

    976
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

914 Molto buona

5 Seguaci

Su Cheshire

  • Compleanno 02/03/2016
  1. Primo acquisto

    Non esattamente. Sarebbe meglio un carica batterie esterno. https://www.reddit.com/r/electronic_cigarette/comments/5cdwkj/smok_alien_220w_usb_charge_testing_and_analysis/ "The Alien does do balance charging, however it does not properly cut-off the charge cycle which leads to float charging (not good). It's fine to use but try to avoid leaving it plugged in too long after seeing 100%. In my opinion, it would be best to not charge it overnight for the sake of your long term cell health [...]"
  2. Sapore e odore di bruciato a 200w

    Grazie al cavolo... (6 spire e mezzo, giusto?). Hai una build che 120-140W li vuole e sono anche ottimali, 180W sei in overpower e probabilmente il cotone non stà dietro all'evaporazione massiva. Ergo, cuoci il cotone. Per i consumi, benvenuto... consumi pure poco.
  3. Dragonball RTA di FumyTech è già nelle mie mani (e considerato che và pure parecchio bene, stò considerando l'idea di prendermi la versione tutta nera con vetro fumè, molto meno appariscente)
  4. Discorso così soggettivo da valere quanto il 2 di picche a briscola. Personalmente? Al momento, fra le reperibili, per me questa : Pokevape (monta pure un dna75) , infatti è già in viaggio e verso fine mese forse mi arriva. Fra le introvabili, sono e sarò sempre alla ricerca della Vampire Box di AdvKen. (se qualcuno pensa iostia scherzando o trollando, no, sono serio. De gustibus)
  5. Discorso 100k santone

    Quando l'ho detto io ,facendo notare pure come sbaglia a contare le spire, mi son preso parole Fortuna allora che non sono l'unico a pensarla così.
  6. Enel ha dato un compito all'operaio, ne ha fornito materiali e servizi. Se io ti do un tubo, una batteria e un atom e ti scoppia in mano, io rispondo. Se sul traliccio l'operaio ci và per una riparazione, monta l'isolatore comprato da zio tonino e lo fà con gli attrezzi presi dal kit di emergenza della panda, son problemi dell'operaio. Se l'operaio monta l'isolatore dato dall'azienda, ma lo fà con gli attrezzi portati da casa al posto di quelli dati dall'azienda, ne risponde lui. Il tubo ha una sua funzione, ma non è imputabile come unico responsabile per un suo malfunzionamento. Nello specifico ci sono 3 imputabili, il costruttore del tubo, il costruttore della batteria, il costruttore dell'atom (volendo proprio spingere, anche il costruttore del filo, ma tralasciamolo). Si è alzato il dito solo verso il costruttore del tubo, come se gli altri non abbiano responsabilità (ed effettivamente, per la batteria, è così). La responsabilità del costruttore del tubo finisce nel fornirti un prodotto che svolge la sua funzione. Considerato che quel tubo non è andato in corto al primo avvio, di cosa stiamo parlando? E' stato fornito funzionante? si. Ha avuto un malfunzionamento? Forse, và dimostrato, non preso come vero. Era sostanzialmente quello che dicevo, ma mi sono espresso male. Un filetto dell'atom fatto male, o danneggiato, avrebbe potuto scavare la filettatura del tubo, creando una bava che non era presente in origine. Ribadisco, mi sono espresso male. Vero, ma saprai benissimo che nessun controllo qualità è esente da errori. Quando questo errore diventa comune, allora si può parlare di QC scadente. Qui si parla di quanti problemi rilevati in relazione al volume di vendite? Ci sono specifiche tolleranze anche in questo.
  7. Vero, ma fino ad un certo punto. Puoi dimostrare che quel truciolo c'era già quando l'hai preso? Si? allora vuol dire che lo hai guardato. No? a te dimostrare che c'era, ergo buona fortuna. Inoltre il tuo ragionamento, giusto nella sua forma, si applica a quei prodotti finiti o che svolgono un lavoro o una funzione specifica. Ha senso se mi prendi una box con batterie integrate, li è il costruttore il responsabile, perchè io acquisto un prodotto finito. Quando prendo un tubo acquisto un prodotto che da solo non fà nulla (la batteria la scelgo e la applico io, l'atomizzatore lo scelgo applico e preparo io), e la sola cosa che mi puoi garantire e verificare è la qualità del materiale con cui sia fatto. E se la bava fosse stata causata da un filetto danneggiato dell'atom? Non lo puoi sapere, non lo puoi dimostrare. Si torna al punto che il cliente non ha verificato il componente (perchè un tubo, da solo, è un componente del sistema, e non il sistema stesso), e anche ci fosse stato un difetto non lo può dimostrare. E' qui che nasce l'abitudine alla verifica dei componenti acquistati prima del montaggio, abitudine che magari è poco familiare a molte persone e molti settori. Cerchiamo di capire che l'errore di produzione esiste per tutti, e cerchiamo anche di capire che quando un prodotto prevede un nostro intervento personale e l'adozione di prodotti di altre case, se vogliamo avere un minimo di garanzia dobbiamo controllare prima di montare, e non dopo.
  8. Considerato che ormai questo tread è lo strascico dell'altro... riassumo velocemente cose che ho già espresso anche dall'altra parte, giusto per tirare un paio di considerazioni. I meccanico sono meccanici. Fine. Non hanno e devono avere protezioni, perchè la loro natura e logica non le prevede. Non compro un'auto sportiva e poi pretendo che una legge ,estemporanea, imponga al costruttore di alzarla da terra di almeno 120mm, perchè altrimenti nello sterrato tocco sotto. La loro realizzazione può essere garantita solo nei limiti della costruzione meccanica,e questa prevede tolleranze e possibili difetti costruttivi il cui rilevamento deve essere opera anche dell'utilizzatore. Chi lavora in un'officina meccanica sà perfettamente che i pezzi anche nuovi vanno sempre controllati, e sà perfettamente che nelle produzioni c'è sempre il pezzo fallato. Non ho mai visto nessuno intentare causa per truffa ai produttori di bulloneria, eppure ogni 3-400 bulloni che svuoti dal sacchetto ti capita sempre quello storto, quello senza testa o quello senza filetto. Il costruttore è responsabile nei limiti del suo operato. Ti vendo il tubo, tu lo guardi, noti difetti, me li fai presente, risolvo. Non compri un'ibrido e ti lamenti che è pericoloso con il nautilus, o che il tasto a molla scaldandosi può restare impastato , mentre i tasti a magnete non hanno di questi problemi. Si presuppone che tu sappia cosa tu stia comprando. Non ha senso pretendere che il costruttore risponda di un malfunzionamento dovuto a cause che prevedono: mancata manutenzione, mancata perizia, uso di celle inadatte allo scopo, uso di atomizzatori non forniti dal produttore stesso, uso di resistenze fatte dall'utente. Il costruttore, al limite, può rispondere se durante un malfunzionamento il suo tubo esplode, aprendosi, e sparando schegge ovunque. Non ha senso pretendere limitazioni legali, imposizioni di età (che già ci sono, i minorenni non possono comprare, chiuso) o azioni legislative nella consapevolezza che mai, e ripeto mai, il sistema legislativo italico ha agito negli interessi protezionistici del cittadino, ma sempre e solo negli interessi protezionistici del sistema (talvolta camuffandoli bene, talvolta in modo palese), con l'ottica risolutiva della semplificazione. Se c'è un fenomeno che crea un problema, si impedisce il fenomeno, a patto che questo impedimento non causi danni all'erario. Salutano con la zampina tutta una serie di animali che, dal 1996, la detenzione è vietata perchè fra i parenti avevano un "cugino grosso" , divieto di detenzione applicabile al cittadino ad eccezione di strutture di ricerca, zoo , bio parchi, e circhi itineranti (si, tu la tigre non puoi tenerla nemmeno se gli costruisci uno zoo, lo zingaro circense invece se lo può portare dietro in un trasportino) Si potrebbe invece parlare di responsabilità morale e indiretta da parte di chi, ben conoscendo la materia, rilascia recensioni faziose, consigli errati , suggerimenti al limite del tragicomico, ben sapendo l'influenza che le proprie parole hanno sulla comunità crescente italiana. Ma qui di cosa stiamo parlando alla fine...criticare commercianti perchè fanno i commercianti? Riguardo alle dinamiche dell'accaduto , e la mia posizione a riguardo, ho già abbondantemente dettagliato il mio pensiero e i miei ragionamenti nella vecchia discussione,e non ho voglia di copia-incollare pagine di roba. Dico solo ,in merito,che più leggo le sue dichiarazioni, e più guardo foto e dettaglio il soggetto...più noto una dissonanza che mi contorce il cervello, creando una sorta di twisted coil con i due emisferi... più o meno un'effetto simile a quello che si ha ascoltando questa sigla : https://www.youtube.com/watch?v=NyMhagkHfkM
  9. ero a un passo dal prenderla, ci ho girato 4-5 mesi con la targa prova dell'officina. Se il mondo fosse sempre dritto e il telaio della uno45 fosse stato fatto in titanio, era anche una macchina interessante. Peccato che era un missile dritto pure in curva, leggera all'inverosimile, con le ruote della graziella, una turbina con il vizio di entrare quando non doveva, un'impianto frenante che facevano prima a non mettercelo, mangiava olio che pareva un 2 tempi, dovevi saldare i binari dei sedili o accelerando scivolavano in dietro, la lancetta della benzina scendeva se acceleravi di colpo e passati i 130 era come stare su una uno45 alla medesima velocità: vibrava tutto, non riuscivi a vedere gli specchietti dalle vibrazioni, guardare il cruscotto era impossibile, cominciavi a credere che il volante si fosse svitato da tanto che era leggero, sentivi il telaio torcersi e piangere, sapevi che frenare era inutile e cominciavi ad avere visioni mistiche di santi e madonne che ti supplicavano di fermarti. ma aveva anche dei difetti. (più temibile comunque era la Y10 turbo, stesso motore, aspetto sottovalutato,telaistica pure peggiore) Tra lei e la R5gt-t non c'era gara. La r5 era un'auto pericolosa e tecnica, la uno era pericolosa. In pratica la differenza che c'è tra svapare con un tubo meccanico e svapare con tue fili legati all'atom e ponticellati a mano sulla batteria.
  10. anche tutto il resto, il blocco intero entrava nel cofano della corsa che era una meraviglia Era uscito uno spettacolo di macchina, andava come un missile, sempre dritto...pure in curva...sempre dritto
  11. con la mx5 e la supra i moscerini li toglievo dalla fiancata Peccato però...i moscerini ,invidiosi della toyota, un giorno si sono vendicati, han fatto comunella con le vigne, e un giorno mi son trovato un filare di vigne che mi attraversava la strada... Con il 106 1.3 i moscerini e tutta la fauna nel raggio di km li allontanavo a colpi di ritorni di fiamma...di quelle fucilate che fuori periodo di caccia era da allertare la forestale Con la corsa gsi mi limitavo a soffiarli via con lo sfiato della turbina, non chiedere come mai c'era una turbina su una macchina che di serie non ha motorizzazioni turbo
  12. tutti bravi con le 2 ruote, e poi in discesa fra i tornanti tutti a frenare mentre io, con 4, ci entro cattivo e di traverso (ci entravo...) Goliardia a parte, voi motociclisti vi stimo. Avrei sempre voluto mettere le mani su una stradale, ma poi mi conosco, e sò che finirei spalmato dopo 10 giorni, perciò ho sempre evitato, ripiegando su 4 ruote belle cattive. il bf lo sai che mi incuriosisce ma non mi convince all'acquisto? Sono mesi che tolgo e metto la VT inbox nel carrello e poi finisco a toglierla per far spazio ad altro.
  13. Su questo con me sfondi una porta aperta Sono il primo a dire che i meccanici non dovrebbero essere consigliati ma dovrebbero essere una tipologia di prodotto alla quale ci arrivi con le tue capacità. Che poi, sia chiaro, io non amo i meccanici. Mi piacciono, ne ho alcuni, apprezzo il concetto del meccanico per la sfida e per le capacità estetiche (della serie "oh! una cosa dalla forma che mi piace! ci posso fare un meccanico" ), ne porto uno sempre con me come secondo dispositivo d'emergenza (in effetti mi rendo conto che non ha molto senso averlo sempre alla cintura)... ma alla fine vivo di box. La mia dna200 (lipo) in 6 mesi ha tipo 80 ore (effettive) di uso, e considerato che il giorno giro con una pico, fai conto quanto ci stò attaccato, tenendo presente che la dna credo non sappia nemmeno che esistono wattaggi inferiori a 100W, e la pico stà costantemente a 60W. Però... però mi diverto a perderci le ore a calcolare build, a sfidare me stesso per trovare l'equilibrio perfetto (puramente utopico) , buttarlo su meccanico (che gira rigorosamente ed esclusivamente con lg hb6), farci 4-5ml e poi dimenticarmi della sua esistenza, perchè il divertimento è finito (per ora). Mi son preso anche una boxettina meccanica, con 2x18650 in parallelo con mosfet, giusto per stare tranquillo sia per le questioni di scarica sia per le questioni di durata. Risultato? si carina, ma passati i primi 3 giorni di interesse è li, che prende polvere, e le elettroniche non hanno mai riposo.
  14. Mi sà tanto che non hai capito il mio parallelo. Da un lato metti una box con 3 batterie,dall'altro un tubo. Metti 3 batterie nel tubo e ne riparliamo (nel modo che ti pare eh, serie o parallelo sempre a wattaggi esagerati arrivi) Nel tubo c'è la sfida, il rischio, l'impegno dello studio, della preparazione della coil, della valutazione della batteria... nella box? alzi i watt, fine. Arrivi in entrambi i casi allo stesso risultato, da un lato in un modo semplice, dall'altro in un modo difficile. E' il modo in cui ci arrivi che dà la differenza, la sfida che raccoglie, zero da una parte, elevata dall'altra. Prendi una fiat croma 2.4jtd, prendi una honda s2000. Entrambe tirano fuori 200cv, entrambe arrivano senza problemi a prestazioni eccellenti nei limiti di velocità imposti, entrambe svolgono la stessa funzione, la prima costa un quarto della seconda e consuma un quarto, la prima addirittura la danno pure con il cambio automatico, la prima è un FF pacato e facile da portare con tutte le assistenze elettroniche del caso ,mentre la seconda è un MR cattiva,aggressiva e che non aspetta altro che un tuo errore per fregarti Te davvero fra le due preferiresti la prima? Dipende da quello che ci vuoi fare, e in base a come vuoi vivere la guida fai una scelta, che se è ragionata e relazionata alle tue esigenze sarà sempre quella giusta. Meccanico e elettronico sono la stessa cosa, da un lato la risposta all'esigenza di semplicità e risultato, dall'altro la risposta alla voglia di tecnicismo e impegno.
  15. Perchè ti prendi un'auto sportiva al posto di un'utilitaria? Entrambe svolgono la stessa funzione di trasporto, entrambe devono sottostare al medesimo codice della strada. La risposta è la stessa: diversa esperienza. MEccanico ed elettronico sono due mondi che ottengono lo stesso risultato ma secondo strade diverse. nell'elettronico butti sù una resistenza, aumenti i watt, diminuisci se son troppi, e fine dei problemi. Il meccanico pone una sfida. Non puoi regolare i watt, devi dunque combinare in una resistenza abbastanza watt per il calore che vuoi ottenere. Non puoi scendere troppo, non puoi stare troppo alto... e poi l'erogazione è diversa, nonchè cala nel tempo, perciò la tua coil dovrà essere pensata per rendere durante tutto il periodo di scarica. Apri steam engine, e prova a simularti una coil dove massimizzi la resa per tutto il periodo di scarica, vedrai che non è facile. Poi il meccanico ha altri vantaggi, come compattezza e peso, ma ripaghi con manutenzione e rischio. Sono due cose diverse, che hanno ragione di esistere entrambe. Vuoi svapare tranquillo senza pensieri? Vai di eletronico. Vuoi metterti alla prova in un puzzle sempre diverso? Vai di meccanico. Bhe, spezzo una lancia a favore del ragazzo... si parla del Tirreno... il Vernacoliere è più affidabile. Non è la prima volta che il Tirreno pubblica notizie giorni dopo, nel 2010 riuscirono a pubblicare un'articolo circa gli scioperi all'azienda dove lavoravo...la bellezza di 9 giorni dopo.