marcogg

Utente
  • Numero contenuti

    835
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

371 Buona

Su marcogg

  • Compleanno 26/08/1969

Visite recenti

2752 visite nel profilo
  1. Vapor Cave aromi organici

    @SamCanapone apperò! ma che bella cantinetta
  2. Tecniche di macerazione, purificazione

    grazie dell'info! top! appena ho un po' di tempo per dedicarmici lo provo di certo, e magari sempre su un ducale del brenta
  3. Officine svapo

    beh, si dovrà pur tenere qualche piccola scorta di prelibatezze nella cantinetta per i momenti speciali
  4. Tecniche di macerazione, purificazione

    grazie a @Euler e @StefSwiss per i vostri consigli [email protected]!! i consigli e le osservazioni, soprattutto se costruttive, sono sempre ben accette il metodo dell'alcool e PG è quello che suggeriva azhad e se non ricordo male è anche quello che veniva proposto da alkemicosvapo, quindi mi sono barcamenato attorno a quelle indicazioni l'aroma ottenuto al momento mi aggrada, ma se si può far di meglio ben venga, e sarei molto curioso del procedimento di estrazione a freddo che applichi, e se mi pulì dare qualche dritta, magari il link della discussione in cui ne parli (non son riuscito a trovarlo ) ti ringrazio molto ah, ecco, mi pareva che c'era il trucco comunque come giustamente dici il tabacco del brenta, come narra la storia, o la legenda, è un tabacco habano importato dalle americhe da un monaco alla fine del '500 se fumato ha un gusto abbastanza lontano dal classico kentuky dei toscani, meno "violento", più morbido e strutturato che incontra i miei gusti... infatti sono un'estimatore dell'aroma brenta di vapor cave!
  5. Officine svapo

    officine svapo/brebbia li faccio al 20%, come consigliato da loro, e come base uso una 47 PG / 47 VG / 6 H2O e almeno una settimana, meglio due, di riposo
  6. Tecniche di macerazione, purificazione

    Ciao a tutti vi riporto la mia ultima esperienza in tema di estrazione casalinga, che è una sorta di via di mezzo tra l'estrazione a freddo e quella a caldo. Il tabacco che ho usato è stato un sigaro ducale nostrano del brenta, peraltro non conservato benissimo (non in humidor) e quindi un po' secco. ho provato questa metodica due volte, prima con mezzo sigaro e la seconda volta con l'altra metà frammentato/sbriciolato il mezzo sigaro (5 grammi) con le dita, in maniera non troppo fine, ottenendo frammenti di circa 1-2 mm, ed utilizzando tutto, ovvero il wrap, il binde e il filler disposto in un contenitore largo e basso (circa 10 cm di diametro) e aggiunti 15 mL di alcool etilico alimentare 95% e lasciato riposare ermeticamente per 24 ore aperto il contenitore, coperto con una garza, e lasciato evaporare l'alcool per 24 ore dopo 24 ore, c'era ancora un vaghissimo sentore alcoolico e il tabacco era leggermente umido, quindi l'ho mantenuto circa 30 minuti in una stufa termostatata a 62°C al tabacco secco è stato aggiunto 30 mL di glicole propilenico e richiuso il contenitore ermeticamente per ulteriori 24 ore dopo 24 ore il contenitore, sempre chiuso ermeticamente, è stato posto nella stufa termostatata a 62°C per 4 ore ulteriori 24 ore di riposo a temperatura ambiente e contenitore chiuso filtrazione con un: primo passaggio su garza e "strizzando" bene il contenuto della garza poi filtraggio con siringa attraverso 4 strati di filtro per caffè americano + 4 strati di cotone muji + altri 4 strati di filtro per caffè americano, per due volte filtraggio con "syringe filter 5 micron versapor membrane", singolo passaggio a questo punto ulteriori 24 ore di riposo e poi diluito al 20% in base neutra i risultati direi che sono stati soddisfacenti in entrambe le prove! aroma ottimo e molto fedele al profumo del sigaro non combusto. Non un all day, ma un ottimo aroma da dopo caffè, o dopo pasto o per momenti di relax. altro aspetto molto positivo è l'impatto sulla coil molto minore rispetto alla macerazione a freddo o a estratti commerciali come la tabaccheria. dli aspetti negativi sono: scarsa resa: a fronte di 30 mL di PG per 5 grammi di tabacco, ho ottenuto circa 12 mL di aroma, in quanto parte del PG viene trattenuto dai frammenti di tabacco (si potrebbe forse "spremere/torchiare" meglio e in parte si perde attraverso i filtri il tempo che si occupa e soprattutto la scarsa resa fa si che in termini di costo si spenda quasi quanto per un aroma commerciale (un sigaro costa 4,30 € a cui aggiungere il PG e l'alcool si arriva a circa 5 €, da cui si ottengono circa 100 mL di liquido pronto resta ancora da verificare la stabilità dell'aroma/liquido nel tempo: non so come sarà tra un mese, o due o un anno... con altre estrazioni casalinghe avevo notato una scarsa stabilità nel tempo appena ho la possibilità proverò anche che alcune misture da pipa (brebbia, w.o. Larsen, amphora) per valutarne i risultati, anche se penso che non diventerà la fonte principale dei miei aromi da svapo foto della coil dopo 8 mL... mi ritengo abbastanza soddisfatto
  7. Officine svapo

    veramente buonissimo! una bottiglia me la sono già svapata, mentre l'altra credo la terrò ben chiusa e conservata per momenti speciali... visto che ormai è praticamente introvabile
  8. Vapor Cave aromi organici

    Khymeia la descrizione di gigi scolari recita: " estratto da una nuova miscela creata con mix di tabacchi Orientali, Kentucky e Burley con affinazione simil latakia" antepongo la conclusione: non posso dire che ci sia un vapor cave che vince su tutti gli altri, ma posso dire che c'è un gruppetto di aromi che entrano di fatto nell'olimpo, e questo è uno di quelli! è un aroma molto complesso ed appagante, che riempie ed è da riservare per momenti speciali non l'ho provato appena fatto, quindi non saprei se quel tono sale o scende, ma, dopo 3-4 mesi, sicuramente lo percepirai, in maniera discreta e non invadente e soprattutto in esalazione condivido le descrizioni fatte da theflavourist.net e numenor (peraltro riportate nel pdf di descrizione del produttore), alle quali non ho molto da aggiungere e non saprei descrivere meglio 😀 sicuramente da riprendere!
  9. Speed revolution clone

    che geometria e che materiale hai usato per la coil?
  10. Per fortuna hanno introdotto la tassa

    il mio post era ironico.... comunque sia hai chiarito benissimo la situazione, nella quale ci sono tutti gli elementi per capire che nessun farmacista, ammenoché non li esponga esponga sullo scaffale, è obbligato a vende glicole e glicerolo, e considerando l'uso che ne fa il farmacista di questi due prodotti è ben difficile che li esponga sugli scaffali in conclusione se il farmacista vuol vendervi pg e vg bene, altrimenti pazienza, non è tenuto a nessun obbligo!
  11. Per fortuna hanno introdotto la tassa

    @Niko_1993_ @Hakunamatata mi diverte moltissimo questa discussione! soprattutto la questione dell'obbligo del farmacista di venderti PG e VG... così come l'obbligo di un negoziante di venderti una cosa.... ma se entro in negozio di scarpe e voglio un modello di cui non c'è la taglia posso obbligare il negoziante a recuperarlo e a vendermelo? buono a sapersi!!
  12. Aromi la tabaccheria

    in realtà la tabaccheria non impone il prezzo, ma un prezzo minimo di vendita che è pari a 7,90 per gli estratti e 9,90 per la linea elite, e se un negoziante li rivende a meno la tabaccheria non gradisce, dicendo che non è bello "svendere" un prodotto e/o fare concorrenza sleale... poi ci sono negozianti che su questa cosa ci lucrano ulteriormente mettendo a 10 euro gli uni e 12 gli altri, e altri negozianti che magari pure ti fanno lo sconto se ne prendi più di uno... ma qui entriamo in discorsi di onestà intellettuale e trasparenza del commercio che ci porta ot...
  13. Il Vaporificio o La Tabaccheria?

    immagino che tu ti riferisca al kentuky fire del vaporificio... per smorzarne la "forza" si potrebbe mixarlo con del isfaani tombac, sempre del vaporificio, oppure del burley della tabaccheria vista l'intensità del kentuky, il mix dovrebbe essere un po' sbilanciato nell'altra direzione, ovvero circa 1/3 di kentuky fire e 2/3 dell'altro aroma, e volendo anche 1/4 e 3/4 la nota alcolica invece a me non dispiace, ma non lo ritengo uno dei più risusciti del vaporificio... un tank da 2 mL ogni tanto me lo faccio, ma non oltre... in flavour non l'ho mai provato, ma mi hai dato un suggerimento... non ho mai provato a mixarlo con altri, magari i potrebbe uscirne qualcosa di interessante con del virginia o con una piccolissima puntina di latakia
  14. Il Vaporificio o La Tabaccheria?

    ben fatta!! andando a memoria, l'ultimo assaggio risale a quest'estate, il rustica non mi ha colpito molto... discreto all day, ma senza un suo carattere definito...
  15. Il Vaporificio o La Tabaccheria?

    @Rici grazie per le tue recensioni!! l'american blend lo trovo tra i migliori del vaporificio, su ogni atom su cui l'ho provato sicuramente c'è il burley che si fa sentire con la sua nota tostata, sul perique non saprei e onestamente non c'avevo pensato potesse esserci l'oaked virginia pure quello mi piace, ma meno dell'american blend, e condivido le tue impressioni la nota legnosa potrebbe essere la barricatura che subisce il loro virginia a differenza di quello della tabaccheria, questo potrei usarlo tranquillamente per un all-day, mentre l'altro, ottimo in mix, in purezza tende a "ingolfarmi" presto per la l'eccessiva dolcezza vediamo che ne pensi del perique.... personalmente lo trovo ben distante da quello della tabaccheria... ne migliore ne peggiore, ma diverso