Benjix

Utente
  • Numero contenuti

    1333
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

237 Buona

Su Benjix

  • Compleanno 28/09/2013
  1. Mi interessa quello che scrivi, hai normativa a riguardo?
  2. Non stiamo parlando, nel mio caso, di miscelazione, ma di aprire una boccia di base a 100 ml, una boccetta di aroma, buttare dentro l'aroma e ridare il tutto al cliente, roba che come scritto può fare anche il cliente ma ne ho visti tanti dire "fallo tu". Non sono un finanziere e non so se la cosa è fattibile o meno, ovviamente io da lui prendo solo aromi e il liquido lo faccio da solo a casa, non gli ho mai visto vendere boccette da 20 o da 10 e si fa pagare solo il costo di aroma + base, pertanto dal punto di vista fiscale (ma anche questo esula dal mio campo) dovrebbe essere a posto. Bada bene che lui non vende liquidi miscelati, ma basi ed aromi. Diverso è il caso del negoziante, e purtroppo ne conosco alcuni, che ti vendono boccette da 20 o da 50 ml di liquidi "fatti in casa" a prezzi fantasiosi.
  3. Il mio negozio fisico di fiducia mi ha spiegato come si muove in questi casi. Se vende 100 ml di liquido base e 1 aroma, una volta fatto lo scontrino nulla gli vieta di aprire base e aroma e miscelarli davanti al cliente, cosa che peraltro potrebbe fare il cliente stesso. Ben diverso sarebbe se il negoziante aprisse prima dello scontrino la base, miscelasse l'aroma, e ne vendesse anche una minima parte. E' abbastanza semplicistico, ma così mi ha detto non avrebbe guai in caso di controlli.
  4. Aromi dea

    Visto che ci troviamo, devo preparare un po' di Red Fruits DEA, qual'è la diluizione ideale?
  5. Ago per aspirare liquido base

    Io utlizzo aghi da veterinario, ma anche questi, in alluminio e mooolto larghi, fanno fatica con il VG, con altri liquidi nessun problema.
  6. Coil da incubo: tfv12

    Boh, io anche con lo split Atty riesco a fare 4-5 tiri con una ricarica e se tiene 2 ml è troppo.
  7. Coil da incubo: tfv12

    Non è per spirito di contraddizione, scrivo solo per alimentare una discussione costruttiva. Il tuo è un caso particolare, io quando metto in azione i dual coil voglio anche sentire l'aroma, fare nuvole per il solo gusto di sentire gli ululati ed i latrati della mia signora che riempio la casa di vapore non fa per me. Nei limiti si può fare cloud chasing e sentire aroma, io per esempio nei sistemi più spinti prediligo liquidi cremosi, non spingo mai troppo tabaccosi o fruttati, soprattutto quest'ultimi perchè ad alti wattaggi l'aroma si perde (proprio per questo generalmente si tende ad utilizzare vapore freddo, secoli fa i fruttati andavano sul protank 2 che non era un atom propriamente caldo). Le coil sono belle, studiate bene, ma cui prodest? A casa ho un eptacoil del TFV8 perchè volevo vedere se era possibile rigenerarlo, è un blocco di metallo, non riesco a capire come siano riusciti a ficcarci dentro la coil ed il cotone che chiude le feritoie laterali.
  8. Coil da incubo: tfv12

    E chi parla di essere contro il cloud chasing? Ho rigenerato proprio ieri un Rose V3 che è un atom tipicamente da guancia, ho finito il tank solo perchè non l'ho voluto svuotare, sto pensando di metterlo sul mercatino proprio perchè il tiro di guancia non mi soddisfa più. Il mio "bottom sistem" è il subtank della Kanger, non vado oltre i 20W e se mai volessi potrei anche spingerlo un po' di più, ho preso un Kennedy ad 24 con cui mi diverto a fare nuvole a 0 nico ma anche quello penso mi andrà a noia, di recente ho acquistato un Hcigar BF che ha un atom a corredo da rigenerare in dual che ho sostituito con un Nopity single coil. Il discorso è che a parte noi svapatori di medio/lungo corso una marea di ragazzini si stanno avvicinando allo svapo e non seguono le tappe che abbiamo percorso noi, magari partendo dal CE4 o dai sistemi ovale. Io per tanto tempo sono andato avanti con l'iclear16 ed ero soddisfattissimo, poi i vari kayfun, magoo, subtank, cubis ecc. ecc... Il ragazzino che prima si avvicinava alla sigaretta analogica per "sentirsi grande" (ci sono passato anch'io, tanto tanto tempo fa) ora invece si approccia allo svapo nello stesso modo, deve farsi "vedere" ed un tiro di guancia non offre la visibillità di una box a 200W con su un atom dual coil, ovvero fare un mega tiro e sputare fuori una nuvola di fumo. Pensi che il ragazzino che prende la sua prima box più atom cerchi quello che renda più aroma o che si sia letto il mai troppe volte menzionato post Resa e parametri di regolazione per capire come funziona una ecig e quali legge fisiche sono dietro allo svapo? No, il ragazzino vuole la nuvola, per cui giù con le epta-duodenary coil da 0,15 ohm che necessitano di hw potente per poter solo accendersi e di una box da 2-3 batterie che durano si e no mezza giornata e che vaporizzano un tank da 5 ml in un paio d'ore. La figlia di un amico ha preso la sua prima batteria, Smoke Alien ed il suo primo atom, Griffin 25, non ha nemmeno idea di cosa vuol dire rigenerare e si affida a suoi coetanei che hanno un po' più di esperienza per farsi fare le coil, per il suo primo acquisto ha speso 140€ (atom e BB di seconda mano) e non oso pensare ai liquidi che svapa. Il cloud chasing qualche tempo fa, neanche tanto, era un fenomeno di nicchia e andava quasi solo su meccanico, ora i produttori hanno intravisto il mercato e ci si stanno buttando con soluzione sempre più spinte. Il TFV8 l'ho provato anch'io, come atom non è niente male, resa decente e tanto vapore, con 3 tiri ho fatto fuori un tank di liquido svapando sopra i 100W, ma non ci penso proprio di comprare un atom che ha le testine di ricambio che costano quanto un atom o addirittura 2 volte un dripper clone di buona fattura che, con la giusta conoscenza e le dovute accortezze di vapore ne fanno con una resa aromatica maggiore. My2c
  9. Coil da incubo: tfv12

    Nooooo, ci vuole solo una centrale nucleare per svapare un tank!
  10. mille errori da evitare

    Fatto, con la differenza che l'atom era il velocity V2 e che stavo talmente concentrato che mi sono reso conto di non aver messo il cap solo quando ho sentito distintamente ogni singola coil incandescente sul labbro. E' stato solo un attimo ma moooolto intenso...
  11. Notoy - recensione e comparazioni

    Preso anch'io il clonazzo da 3fvape, fattura ineccepibile, regolazione dell'aria che più diversificata non si può, aria dal basso, unico neo come già detto la scarsa autonomia di squonkata, essendo piccolino ed adatto ad un tiro più ampio di quello di guancia di liquido ne contiene poco, però basta prenderci la mano. Rigenerato anch'io con lo 0,40, non mi pare scaldi granchè, di contro il tip è piccolino e con le labbra si tocca inevitabilmente il top del tank. Poco male, avendo preso dei tip in derlin della UD che sono leggermente più lunghi il problema è risolto. Rapporto prestazione/prezzo eccellente, non spenderei mai quella cifra per un atomizzatore (a meno che non sia in oro 24k...😄)
  12. 3fvape... ansia si... ansia no...

    Ho usato questa: Registered Air Mail by China Post. Il notoy è fatto bene, si rigenera in un attimo e mi piace parecchio. Al momento lo sto usando come dripper e come difetto ha solo un'autonomia di 3-4 tiri, appena posso monto il pin BF e lo provo sulla Hcigar VT inbox.
  13. 3fvape... ansia si... ansia no...

    Ordine fatto il 4 gennaio e arrivato oggi, 23 gg per avere il notoy a casa non mi sembrano male, considerato che l'ultimo acquisto fatto su FT ci ha messo ben 50gg. Oltretutto il notoy mi pare molte ben fatto, se avessi del wire in ufficio (visto che il postino me lo ha gentilmente portato qui) sarebbe già in funzione.