DrGi

Utente Gold
  • Numero contenuti

    4705
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

4658 Ottima

Su DrGi

  • Livello
    Svapator Curioso
  • Compleanno 06/08/1960

Informazioni su di te

  • Città Vercelli

Visite recenti

4134 visite nel profilo
  1. Fasttech... ansie da spedizione

    Hai anche ragione. Finito febbraio la situazione si era normalizzata e l'arretrato smaltito (tramite assunzioni straordinarie a tempo determinato) e fino a Pasqua le spedizioni arrivavano veloci, anche parecchio più veloci di IE di Gearbest. Sotto Pasqua hanno però iniziato ad accumulare giacenze e non ne sono più usciti. Forse per intervenire aspettano di avere di nuovo più di 5.000 tonnellate di arretrati ...... W le Poste! In più le giacenze vengono gestite senza alcun ordine apparente e la presa in carico pare avvenire nel modo più casuale possibile Ciao!
  2. Fasttech... ansie da spedizione

    Sotto Natale un mio pacchetto ci ha messo 54 giorni per avere soluzione..... (allora c'erano 5.000 tonnellate di posta in attesa di essere registrata per poter poi passare in dogana....) Ciao!
  3. Fasttech... ansie da spedizione

    Il problema sono e restano le poste italiane e, più precisamente, il metodo di gestione dei magazzini in entrata, quelli dove vengono depositate le spedizioni in arrivo prima che siano prese in carico dalla dogana, dove il termine "priorità" non è ancora entrato nel vocabolario. Nel magazzino manca totalmente una gestione delle priorità perché, finché il pacco non viene preso in carico, nessuno può sapere se si tratti di una spezione espressa o ordinaria. Una volta prese in carico però le spedizioni "espresse" vengono lavorate dagli uffici doganali in tempi molto brevi, 1-3 giorni, mentre le normali raccomandate stazionano in dogana anche due settimane. La spedizione espressa inoltre arriva in Italia spesso (per non dire quasi sempre) più velocemente di quella soltanto tracciata. Tutto ciò però viene vanificato dalla inesistente gestione del magazzino ed al cronico accumulo di arretrati. Il vero problema è che le poste non dovrebbero avere arretrati..... così come capita in Francia o in Svizzera Se non ci fosse il terno al lotto del magazzino di giacenza degli arretrati, i nostri pacchetti espressi (e-packet - Italy Express) arriverebbero a casa al massimo in una decina di giorni. Inutile chiamare il call-center delle poste in questa situazione, sino a che il pacco giace nel mucchio degli arretrati da prendere in carico, le poste non sanno di averlo e nessuno può dare notizie. Solo EMS sa che il lotto di spedizioni in cui quel pacco è inserito è stato consegnato al magazzino perché è l'unico a conoscere il dettaglio dei pacchi contenuti nel lotto di spedizione. Nel trasporto internazionale il tracciamento avviene tramite il codice di spedizione del lotto ma solo il vettore sa quali pacchi siano contenuti nel lotto e può dire che "quel" pacco è arrivato a Milano in quanto inserito nel lotto consegnato. Gli altri, fintanto che non registrano ogni pacco del lotto non lo possono sapere. Il ritardo di questa registrazione è la causa di tutto..... Ma se (e sottolineo se visto che è una lotteria) il pacco espresso di FT venisse preso in carico (perché scommetterei che, se controlli dal sito EMS, è già in Italia non più tardi che dal terzo giorno dalla spedizione) anche quattro o cinque giorni dopo, uscirebbe dalla dogana ed andrebbe in consegna più velocemente. Ciao!
  4. Verniciatura degli atom e rischi alla salute

    Forse, semplicemente, non ci siamo capiti .... Questo intendo per "interno" quando dico che, per il mio utilizzo personale e senza voler dare giudizi, li scarterei a priori. Pensavo che la prima frase del mio messaggio fosse chiara e sottolineasse proprio il differente punto di vista ..... evidentemente però, persa tra le foto, non ha avuto sufficiente risalto...... Se poi fosse verniciato anche l'interno di campana e/o camino questo sarebbe solo un'ulteriore aggravante ma per un atom che non avrei comprato già in partenza ...... per la verniciatura all'esterno di questi componenti. Ciao!
  5. Verniciatura degli atom e rischi alla salute

    Dicendo "all'interno", non parlavo dell'interno del camino o dell'interno della camera di evaporazione ma di parti interne dell'atom a contatto con il liquido, quindi anche l'esterno della campana e del camino..... Non ce l'ho e quindi non lo posso guardare "dal vero" ma, tratto dal sito GeekVape: Mi da come l'impressione che colorato all'interno (l'intera campana ed il camino quantomeno all'esterno degli stessi) lo sia .... così come per tutta la serie "Ammit" Normale Dual coil Poi se le immagini sul sito non corrispondono ai prodotti effettivamente commercializzati ..... mi arrendo! Ciao!
  6. Verniciatura degli atom e rischi alla salute

    Personalmente non ho mai acquistasto un atom verniciato in cui la verniciatura coinvolgesse anche parti interne, né cinese né di altra provenienza. Questo anche nel caso che il colore fosse applicato non come vernice ma con il metodo (scusate se al momento mi sfugge il termine corretto ma l'età avanza) delle polveri fissate a caldo. A maggior ragione non ho mai acquistato atom cinesi placati internamente o anche solo cromati (invece quelli placati in oro di produzione occidentale non li ho mai acquistati solo per questioni di budget). Pare anche che non abbia avuto poi tutti i torti visti i risultati del Geekvape Peerless (vedi esempio) Nel caso specifico l'Ammit 25 è colorato anche all'interno e questo a me basta per scartarne la scelta. Fosse stato, chessò, un Aromamizer che è verniciato solo nelle parti esterne mentre tutto l'interno è acciaio "grezzo" il problema non me lo sarei posto se non, al limite, per la resistenza estetica nel tempo (in ogni caso dei miei tre nessuno è colorato) . Magari il mio punto di vista è un po' estremistico ma, alla fine, quello che mi interessa è il risultato nello svapo e non vedo motivo di rischiare oltre l'indispensabile. Ciao!
  7. Facevo una riflessione

    Nel concetto sono in accordo con quanto da te espresso. La nostra lingua dà la possibilità di trovare adeguata traduzione per quasi tutti i termini e l'uso "smodato" di terminologia anglosassone che spesso viene fatto è del tutto inutile e sovente pure più frutto di un "servilismo culturale" che non di reale praticità o necessità. Questo in linea generale. Negli ambiti specialistici però, dove il confronto è spesso internazionale, può essere molto più utile rinunciare alla proprietà linguistica per adottare un linguaggio comune così da potersi facilmente capire anche in ambito sovranazionale. Ho infatti nel caso usato l'aggettivo "utile" e non "più semplice" proprio per questo motivo. Corto il termine "tank" è più breve di "serbatoio" come "coil" lo è rispetto ad "avvolgimento" ma il motivo concreto, secondo me, per (imparare ad) utilizzare questa terminologia sta nel fatto che qualora si esca dall'Italia, sia che lo si faccia per ottenere informazioni che per fare acquisti, la terninologia che si troverà è quella anglosassone che, nel settore, ha acquisito valenza internazionale (così come la lingua italiana lo è per gli anglosassoni nel campo della musica dove un "Adagio" resta, pronuncia a parte, un adagio anche in inglese, un piano un piano ed un oboe altrettanto). Non necessità quindi visto che la maggior parte dei termini sarebbe anche facilmente traducibile ma dicerto utilità oltre che, in molti casi, anche semplicità. Alcune volte si tratta di necessità, ne sia un esempio il "dripping" dove, se si volesse tradurre il concetto, non basterebbe un vocabolo ma sarebbe necassario un lungo giro di parole dal momento che indica una modalità specifica di svapo che non ha traduzione diretta in italiano (a meno di non inventarla... ma questo lo lasciamo ai cugini d'oltralpe) ma nel complesso la principale motivazione per assuefarsi alla terminologia inglese è quella di poter più facilmente capire di cosa si stia parlando in tutti i contesti in cui ci si trovi. Diverso invece l'(ab)uso invalso nel definire le misure dei fili con il linguaggio americano degli AWG (Ga abbreviato per gli amici) che non ha nulla di utile ma che, al contrario, ingenera confusione e, se utilizzato senza una "traduzione" in un sistema metrico, rende impossibile fare i necessari calcoli. L'uso di questo "soprannome" (*) per le misure deriva solo dall'ambito internazionale del commercio di settore che, anche in quiesto, tende a premiare quello che per i cinesi pare essere il principale mercato: quello staunitense. La sua utilità però è del tutto nulla e la necessità inesistente. Ciao! (*) L'uso di questo modo di definire le misure dei fili nasce dall'impossibilità sostanziale del sistema metrico anglosassone di definire in modo semplice le misure molto piccole. Le misure inferiori ad un pollice infatti in quel sistema di misura sono normalmente espresse in frazioni dell'unità (così che, grossomodo, due centimetri corrisponderebbero a 4/5 di pollice) ma se si volesse definire in questo modo un filo, ad esempio, da 0,32 mm l'indicazione della misura sarebbe qualcosa tipo 1/781 di pollice, cosa che, anche per un inglese non si può vedere. Da qui la loro necessità di inventarsi una (contorta) alternativa. Noi però adottiamo il sistema metrico decimale che non genera queste difficoltà.... non vedo la necessità di adottare un qualcosa di peggiore tanto per "adeguarci". Giusto e necessario conoscere la corrispondenza dato che negli shop, specie quelli cinesi, le misure sono espresse (spesso solo) in questo modo ma dal conoscere la corrispondenza a farne il proprio metro di misura il passo è lungo. Tutti bene o male sappiamo cosa sia un miglio o un pollice, ma non per questo misuriamo la nostra altezza in pollici o la velocità dell'auto in miglia orarie.
  8. Fasttech... ansie da spedizione

    Alle poste per la gestione delle giacenze non usano, come sarebbe dai più auspicabile, il metodo FIFO (First In => First Out ossia il primo entrato è il primo ad uscire) e nemmeno il metodo LIFO (Last In => Fist Out ossia l'ultimo entrato è il primo ad uscire) ma il metodo ibrido FLIFO ossia una mirata tecnologia di gestione che riesce a far sì che il primo ad uscire sia assolutamente e scientificamente "a caso", metodo detto anche, come ripotò tempo fa un dotto collega con definizione in latino, "ad cazzum" (anche se alcuni esimii linguisti vorrebbero che la definizione fosse "ad minchiam", ma sono questioni da Accademia della Crusca su cui ci sentiamo di glissare). Vorrei evidenziare un paio di dettagli: Il pacco si trova comunque ancora a Milano e mi hanno garantito che verrà consegnato dallo stesso postino che ha servito @AlexanderMakry (Vedi) Prima di cantare vittoria sulla dogana scampata aspetta almeno che il pacco ne sia uscito finendo a Peschiera Borromeo.... Ciao!
  9. Infatti .... e dalle recensioni pare pure piuttosto decente ..... la nuova frontiera: non più atom al costo di una pizza & birra ma al costo di cornetto e cappuccino .... Ciao!
  10. Ed ha pure delle recensioni piuttosto buone.... gli unici difetti imputati riguardano i fori per i wire un po' piccoli (!) ed il fatto che il vetro scaldi se si spinge molto l'atom ..... mah! Ciao!
  11. Fasttech... ansie da spedizione

    Quello che dite potrebbe anche essere giusto ma basterebbe che tutti leggessero almeno le ultime quattro/cinque pagine prima di postare e le pagine totali di questo 3D sarebbero non più di 100 anziché quasi 500 Va bene che chi posta qui, come da titolo, è in ansia e che questo annebbia le capacità di sviluppare un pensiero logico e razionale ma farsi venire il dubbio che forse in molti possono aver avuto ultimamente problemi identici al tuo non dovrebbe essere poi così difficile... magari puoi non saperlo ma di sicuro dovresti poterlo immaginare... Del resto il link, con relativa spiegazione di utilizzo, per seguire gli e-packet sino a Milano l'ultima volta è stato postato a pag. 474 (ed anche alla pagina precedente e poco più indietro), e citato (ma senza riportare il link) anche a pag 476 e 477 (e questa è pagina 478...) non si trratta di leggere "decine e decine" di pagine. Comunque, tanto per ribadirlo: L'uso di questo sistema permette di verificare che il pacco di @Vapeador01 si trova in questa situzione: 2017-06-08: 00: 00.0 01:18:00 Pechino SME Centro Internazionale Branch Acceptance Acceptance 2017-06-08: 00: 00.0 19:45:00 Pechino SME Centro Internazionale Branch accettazione lasciare il centro di elaborazione, ha inviato al China Post Express Logistics Co., Ltd. Pechino centro di elaborazione elettronica (Hang 2017-06-09: 00: 00.0 13:17:28 China Post Express Logistics Co., Ltd. Pechino postale Center (centro di volo di elaborazione arrivo, da Pechino EMS Centro Internazionale Branch accettazione 2017-06-10: 00: 00.0 02:46:08 China Post Express Logistics Co., Ltd. Pechino postale Centro (Hang lasciare il centro di elaborazione, inviato a ITMILA 2017-06-14: 00: 00.0 09:30:00 X Milano, Italia Ossia che è a Milano dal 14/06 in attesa che la dogana lo prenda in carico per esaminarlo. Per tutti gli altri tracker, fino alla presa in carico i pacchi risultano solo "partiti dal centro scambi internazionali in Cina". Solo il vettore (nel caso EMS China) infatti può accedere ai dati delle sue bolle di consegna dello "stock" (pallet, cassa, o altro contenitore di adeguata dimensione che sia) e sapere quali siano i pacchi in esso contenuti. Gli altri devono attendere, per poter aggiornare il dato, che l'intero blocco di spedizione dei pacchi venga aperto e vengano registrati uno per uno i singoli pacchi (ossia che avvenga la "presa in carico" del singolo codice di trackink). Di fatto lo stesso motivo per cui le spedidizioni IE di Gearbest si possono tracciare solo dal sito del vettore. Solo da quando il pacco viene preso in carico dalle poste conviene usare il "Cerca spedizioni" di Poste Italiane per essere aggiornati. Sono le nostre poste a non prendere in carico subito la posta arrivata ed è inutile prendersela con i cinesi, siano essi le poste con occhi a mandorla siano gli shop come FT che affidano loro i pacchi. Inutile sottolineare di aver pagato una spedizione celere quando la celerità di consegna ci sarebbe anche se tutto non venisse poi vanificato dal nostro, italico, sistema postale al semi-collasso. Ciao!
  12. Fasttech... ansie da spedizione

    No, non è che devono ancora sdoganare il pacco, devono ancora "prenderlo in carico", ossia devono accorgersi che il pacco è nel magazzino della dogana. Per ora il pacco è lì ma loro, ufficialmente, non lo sanno ancora. Solo quando lo prenderanno in carico inizierà lo sdoganamento, prima è solo inutile attesa. I tracker diversi da EMS potranno aggiornare lo stato del pacco solo quando la dogana lo prenderà in carico, ufficializzando il fatto che è arrivato. La "fortuna degli e-packet è che, come posta espressa e non semplice raccomandata, una volta presi in carico vengono lavorati molto celermente dalla dogana dove restano solo 1-2 giorni (i pacchi normali anche un paio di settimane) Per avere notizie aggiornate del pacco devi usare (nel caso degli e-packet) il trackin di EMS China, osiia del vettore internazionale che lo porta dalla Cina all'Italia: 2017-06-11: 00: 00.0 02:36:00 Pechino SME Centro Internazionale Branch Acceptance Acceptance 2017-06-11: 00: 00.0 20:18:00 Pechino SME Centro Internazionale Branch accettazione lasciare il centro di elaborazione, ha inviato al China Post Express Logistics Co., Ltd. Pechino centro di elaborazione elettronica (Hang 2017-06-11: 00: 00.0 22:23:20 China Post Express Logistics Co., Ltd. Pechino postale Center (centro di volo di elaborazione arrivo, da Pechino EMS Centro Internazionale Branch accettazione 2017-06-12: 00: 00.0 03:09:09 China Post Express Logistics Co., Ltd. Pechino postale Centro (Hang lasciare il centro di elaborazione, inviato a ITMILA 2017-06-16: 00: 00.0 07:30:00 X Milano, Italia e scopri che il pacco è a Milano dal 16 giugno Nulla di strano quindi, esattamente la stessa situazione di @IntrovertCat con il pacco che giace in quel limbo che sta tra quando il vettore internazionale (EMS) scarica il pacco nel mucchio degli arretrati e quando un impiegato decide di "lavorare" quel pacco .... solo che lui aspetta da due giorni in più di te. Ciao!
  13. Riassumendo: dal colore e "lucidità" è pressoché impossibile stabilire la lega di cui il filo è composto ma, dalla geometria della coil hai tre possibilità: Kanthal A1 da 0,45 mm Nichrome da 0,40 mm SS316L da 0,32 mm ora solo con il calibro centesimale puoi verificare di quale si tratti anche se, dalla foto, opterei per il Kanthal ma solo perché, ad occhio, la proporzione tra diametro della spira e spessore del filo mi farebbe optare per quello di diametro maggiore. Se poi, quando lo hai avvolto sulla punta, tendeva a fare un po' di "effetto molla" era ancora più facilmente Kanthal o Nichrome dato che l'acciaio, specie se di sezione ridotta come sarebbe uno 0,32 mm, in pratica non ne fa. Ciao!
  14. Calcolare clapton coil

    Vapez.fr indica la resistività del materiale, Steam-Engine, nella scheda Wire Wizzard, la resistività del filo di quel materiale e di quella sezione, ossia su vapez.fr trovi gli Ω mm2/m, su Seam-Engine gli Ω/m (nella scheda Coil Wrapping, funzioni Advanced, invece indica gli Ω/mm) Gli Ω mm2/m indicano la resistività di un filo teorico la cui sezione abbia un'area di un mm2 e lunghezza di un metro e sono un valore fisso, una costante, gli Ω/m la resistività di un filo lungo un metro e di una particolare sezione (nel caso quella che hai selezionato) e variano al variare del diametro del filo. Il valore di 17,92 Ω/m corrisponde ad un filo AWG 28, ovvero ad uno 0,32. Se, ad esempio, il filo fosse stato un 24Ga il valore sarebbe stato 7,07 Ω/m. Cambia la resistività del filo, non quella del materiale. Ciao!
  15. Calcolare clapton coil

    In teoria Steam-Engine dovrebbe già considerare l'aspetto che indichi e calcolare correttamente la lunghezza del filo in base anche alla sua sezione complessiva. Se poi il risultato viene diverso non credo sia resonsabilità del calcolatore ma del filo. Mi spiego ..... i valori di resistività (Ω mm2/m) considerati da Steam-Engine sono quelli ufficiali dei materiali e non sempre corrispondono a quelli effettivi, reali, del filo usato. Ad esempio il Kanthal A1 ha una resistività di 1,45 Ω mm2/m ma questo valore è riferito al Kanthal "originale", quello prodotto dalla ditta svedese Kanthal, parte del gruppo industriale Sandvik. Il Kanthal A1 della UD, ad esempio, ha una resistività molto più bassa, circa, se ben ricordo, 1,39 Ω mm2/m (che si pone a metà tra la resistività del Kanthal "A" e "D" originali). Con una resistività inferiore le resistenze, a parità di lunghezza del filo verranno più basse rispetto a quelle prevedibili se si usasse il Kanthal originale e, per questo, solo fingendo che il filo sia più lungo (cosa che avviene aumentando il diametro interno delle spire) si riuscirà ad avere un resistenza della coil pari a quella che si otterrebbe con il materiale originale. I più "gettonati" di sicuro il 26+32Ga e 24+32Ga ...... in kanthal o nichrome Ciao!